BRAVATA

DI BABINO

DALLA TORRE

DA CAVODICUOL.

CON BARTOLINA VEZZOSA

DAL PIAN DI MUGELLO.

Parte in lingua Romagnola, parte Toscana.

Dove il detto ne l'ultimo vien bussato da

un fratello di lei.

Opera da ridere. Di Giulio Cesare Croce.



Babin

E psibil Bartolina tradtora

T'sij disposta de farm danèr

Ch'haret può quant v'spirt sra in malhora?


Bartolina

Babin io ti vo' dir il mio pensier

Lievati via di qua né mi tentar

Ch'io farò farti qualche dispiacer


Babin

Ah, speranzina, non m'abandonar

Ch'at promet, s'ben a so puvrin,

Ch'a so' d'un parintè ch's'fa stimar


Bartolina

Io t'ho già detto più volte, meschin,

Che mai t'ho amato, né ti voglio ben,

E tu fai come l'Asino al molin


Babin

Ma possia pur esr magnè da i chen,

S'at las me pr fin ch'a sto' in st'mond.

Oh, guarda mo', st'm'chnus ben


Bartolina

Ed io possa cascare in un profondo

Se giammai t'amarò fin ch'io son viva.

Oh, guarda ben, se sei un uomo tondo


Babin

Hosù, no mettr un poc a man sta piva

E no m'far entrar in confusion

Ch't'se ch'a so' al Dievol da la riva


Bartolina

E che mi puoi tu fare, il mio menchion?

Non sai ch'io ti conosco fin a bus

E so se sei gagliardo over poltron.


Babin

Dò dsmarella ch'ti e' mo', s'un fus

Ch'a t'ho rspet, at mustrarab edsì

Quel cha so far, ch'at buttareb zo l'us,

T'se pur nench quel cha fiè l'alt dì

Sa fie fuzr to per e to fradel

E s'iera sol, ch'un iera chviel con mi.

Mo at promet, s'a pos trovai onvel

Ch'a vuoi lghei tut du a chmo du Castrun

Es vuoi cavei al cor e 'l budel.

Alhora st'dare' puo d'l'canzun

Vs vedrà, ch fin ch'an so' aqusì

An muzzaren l'nost questiun.


Bartolina

Deh, poveraccio, levati de lì,

Levati quanto prima e non tardare

Ch'io ti prometto sarà ben per ti,

Che ti dovresti, miser, vergognare

A constrastar con una femminella

Col fare il spezzaferro, e col bravare.

Che s'io piglio di qui una pianella

Te la trarò di posta nel mostaccio,

Bravo da legna e schiena da gabella.

E che non fa qui il taglia catenaccio,

Con dir «farò», «dirò», altro ci vuole

Che star la giù a bravar, volto di straccio.

D'altro non mi lamento, né mi duole,

Che mio fratel non v'è, che ti faria

Tornar giù per la gola tal parole.

Ma dimmi un poco, per tua cortesia,

Che cosa hai tu nel mondo fatto mai,

La qual famosa o memorabil sia

Come tu dici? Che bravando vai

E narri d'haver fatto horribil cose,

E ogn'hor la tagli, e mai a nulla dai.

L'altro giorno colui pur ti riffose

E ti fece un bel ponte su la schiena,

E queste son de l'opre tue famose.


Babin

Oh potta, ch'an vuoi di d'la zia Martina,

E cu t'ha dit a tu st'maravij?

Forfenta, disgratiè da puvrina?

T't'mient pr la gola, es di l'bosij,

Oh, t'arvessia con sta martnella

Cha cavarab li ev d'in tel chvij.

Guarda sta sagureda dsmarella,

Ch'vrà da d'intendr a i chstien

Ch'a sò d'quij ch'porta la barella

E cu m'havis vedù mnà l'mev

L'altra not, ie sulet contra du brev,

Ch'im vniva ados a mo' du chen,

Es'un' m'areva una stuccà in sal chev,

A i magneva dal cert tuttadù,

E si taieva trid a mo' l'rev.

Mo' a caschiè in terra, e lor nin vos d'più

A tal chi andè via, e iè rstiè,

So i andò dal mia honor dimal mo' tu?

Un alta botta nench a fu assaltè

Da un con una speda e una rudella,

Chù sa tutta la zent a chmò al trattiè.

Oh, ascolta anchora questa catvella

Cha fu assaltè da dies una matina,

Chi vgnia gridend «amezza, stella, stella!»

A diè d'ghef a la mia fazulina,

Es t'm' cazziè tra lor da dsprè

L'è ben ver ch'im la rup può in s'la schina.

A n'ho fat tant ch'a dit al ver homè

Ognu sa, sa so' brev, sa sò anmos,

S'no tu chn'al vua saver, e ch'n'u se.

Mo s'um po dar inenz qual tgnos

D'to fradel, o chviel di to parient

Ai vuoi mustrer chi è vituperos.

E a tu, catvella, at vuoi caver i dient

Achmo at pos a trapper fuora d'cha'

Es t'vuoi far pruver t'quent i stient.


Bartolina

Ecco che aponto mio fratel vien qua,

Ed ha la spada anch'egli sotto il braccio:

Se sarai bravo, adesso si vedrà.

A la fe', tu ti muti nel mostaccio,

E vorresti poter tornar a dietro

Le parole c'hai dette, poveraccio.


Fratello

Chi è questo che fa quivi il Mazzapetro

E par che bravi qua con mia sorella?

Caccia mano a la spada, huomo di vetro!


Bartolina

Egli è costui che con spada e rotella

Fà qui il gradasso meco, e 'l rodomonte,

Né mi porta rispetto, e son donzella.


Fratello

Tirati qua, ch'io vo' ch'a fronte a fronte

Provian chi più di noi bravar saprà,

Prima che 'l sol s'asconda sotto 'l monte.


Babin

Oh puvrin ch'ti, tirat e qua,

No t'pinser ch'at stima un bagattin.

To' sta stocheda, e puo' vatn a chà.

Oh, la n'è andè pr al drit ciel d'ormsin,

A so ch'un t'valea la camisola,

Al corsalet, al zech nench'al pastrin.


Fratello

Oh, piglia tu questa ne la gola

Vatti fa' medicar, piglia ancor questa,

Io ti voglio anchor dar cotesta sola.


Babin

Oimè la gola, la panza, e la testa,

Trasiv da chent o la ch'a son spazzè.

No più, no più, ch'l'è fini la festa

A so' sbasì, a so' mort, ie sagurè,

Ch'haret mo' maldetta Bertlina

Ch't'm'voliv pr mort, e mort m'harè.

A voi ander, cha vegh ch'v'sangv'spsina

E dia sa s'arvarò pr in fin a cha'

A sro mort dal zert dmatina.


Fratello

Così a' tuoi pari, insolente, si fà,

Impara con le femmine bravare,

Così delle ferit poi si dà.


Bartolina

Ah, come se ne stava qui a tagliare

Ed hor se ne va via tutto dolente,

Dal suo barbiero a farsi medicare.

Venite in casa, fratel mio valente.


Fratello

Io non voglio venir, ch'io voglio gire

In loco dov'io stia sicuramente

Perché forse costui potrìa morire.


IL FINE








Testo trascritto da: Bravata di Babino dalla Torre da Cavodicuol con Bartolina vezzosa dal pian di Mugello, parte in lingua romagnola, parte toscana, dove il detto nel‘ultimo vien bussato da un suo fratello, opera da ridere di Giulio Cesare Croce, In Bologna presso gli heredi di Bartolomeo Cochi, al Pozzo Rosso, 1621, (10x14), pp.8 n.num., BAB