Allegrezza universale o invito

di Bologna

A tutte le più famose città d'

Italia per la sperata venuta

della Santità di Papa

Gregorio XIII.

Poiché la Fama con sonora tromba

Ha già fatto palese in ogni paese

La nuova che tra noi chiara rimbomba


Che per darmi diletto e farmi parte

Di sua santa presenza il buon Pastore

Quello a cui tanta gratia il ciel comparte,


Ha stabilito a fermo nel suo cuore

Venire a me, sua patria degna e bella,

Per adornarmi di novello onore.


Onde, perché s'adempia tal novella,

Ogni mio figlio bramar deve il giorno

Mentre a gioir il Tempo anco m'appella.


Ora che si dilegua d'ogni intorno

La densa nube, e più che mai sereno

Il ciel si mostra oltre l'usato adorno,


Per sì rara ventura il picciol Reno

Fa festa e gode, e con più lucid'onda

Allegro corre al Re de' fiumi in seno.


Tanta dolcezza in me piove ed abbonda,

Che felice mi par esser, fra quante

Appennin parte e l'Alpi e 'l mar circonda.


Qual fia che di valor mi passi inante,

Qual sarà più di me famosa e lieta,

Dall'India estrema al Mauritano Atlante?


Ben devo ringraziar il mio pianeta,

Che in così bella e fortunata etade

Mi fa salire a sì onorata meta,


Anzi, mi pone in tal felicitade

Ch'altro più non desìo, che sarò gita

Dove ascender si può per dignitade.


Ma perché tal dolcezza ed infinita

Godendo sola senza compagnia

A me parer non può gioia empita,


Stimo che sarà ben ch'a questa mia

Festa s'invitin principi e signori,

D'ogni provincia e d'ogni monarchia.


Venghino sacri regi e imperatori,

Duchi, marchesi, conti e gran baroni,

A goder meco di sublimi onori.


Corra da lontane regioni

Ogni sorta di lingue e di paesi,

Disposta a schiera, a squadre, a legioni.


Spagnuoli, scotti, piccardi e francesi,

Moscoviti, boemi e transilvani,

Sardi, fiammenghi, polacchi ed inglesi,


Ungher, Svizzer, tedeschi e catalani,

Portughesi, guasconi e granatini,

Indi, persi, caldei, turchi e marrani,


Venghin le genti da tutti i confini,

Sien di che grado e condizion si vole,

Purché al vero Pastor ciaschun s'inchini.


Vada per tutto ove s'aggira il sole

Il lieto avviso, ed una tal novella

Fia nota intorno alla terrena mole,


Ed ogni principal città di quella

Inviti la mia parte ad una ad una,

Scoprendo affetto con la sua favella.


Vientene adunque a tanta mia fortuna

Venezia degna, nobil e famosa,

Ch'ogni bene, ogni grazia in te s'aduna.


Deh, non voler restar per altra cosa,

Che tu non venghi meco a rallegrarti,

Lasciando Teti e l'onda sua spumosa.


Napoli, Reggio, ancor voglio invitarvi,

Che venir debbi senza resistenza,

Se vuoi del gaudio mio ricever parti.


Invito la bellissima Fiorenza,

Geova generosa e 'l gran Milano,

Città stupenda e piena d'eccellenza.


Vieni ancor tu con abito soprano,

Ferrara nobilissima e gentile,

Ch'il tuo confin non hai dal mio lontano.


Venga Padova antica e signorile,

Rovigo e la dignissima Vicenza,

Segua Trevigi anco il medesmo stile.


Non manchi di venire Parma e Piacenza,

Mantova, Brescia, Bergamo e Verona,

Imola, Reggio, Modona e Faenza,


Lodi, Como, Pavia, Crema e Cremona,

Forlì, Cesena, Rimini ed Urbino,

Con Sinigallia, Pesaro ed Ancona,


Lucca, Pisa, Pistoia e Camerino,

Nocera, Narni, Terni e Fossombrone,

Siena, Sarzana, Massa con Piombino,


Osimo, Viterbo con Montefiascone,

Ravenna, Borgo San Sepolcro e Fano,

Sarsina, Recanati e Roncilione,


Ascol, Perugia, Feltre e Fabriano,

Norcia, Spoleti, Susa e Terracina,

Brindisi, Sutri e tutto il Capuano,


Venga Palermo, Calabria e Messina,

Velletri, Udin, Cosenza e Macerata,

Comacchio ed Aquileia, che al mar confina,


Turino, Trento, e seco in una fiata

Civita Castellana, e Civitella

Con Gaeta, Torano alla spiegata.


Policastro, Salerno, e dietro quella

Cantazaro, Bitonto e più di cento

Ch'io non so ritrovar con tal favella,


Castelli e ville e tutto il compimento

Delle terre d'Italia, con amore

Invito a parte di sì gran contento.


Roma, te non invito a quest'onore,

Perché tu sola sei capo del mondo,

E godi tal tesoro a tutte l'ore,


Però non ti doler se qualche pondo

Restasse in te per questa sua partita,

Che in breve tornerà lieto e giocondo.


Lascialo pur venire alla spedita,

Né dubitar d'alcun tristo accidente,

Che dal Ciel sei difesa e custodita.


Già parmi di veder tutta la gente

Con piacer infinito e festa grande

Venirmi a visitar solennemente,


Già miro alzarti per tutte le bande

Ponti, teatri ed archi trionfali,

Varj colossi, statue alte e ammirande,


E che con tutti i capi principali

Di Santa Chiesa, con immenso onore

L'entrata faccia in abiti papali,


E par ch'io senta già l'alto clamore

Del popolo, e 'l gridar: “Sia benedetto

Questo che vien nel nome del Signore!”


Oh, beato colui che in santo effetto

Saprà gittarsi in terra in ginocchioni,

Ed adorarlo con devoto affetto.


Ogni strada, ogni piazza, ogni cantone

Già parmi di veder di gente piena

Ogni porta, ogni tetto, ogni balcone.


E con un'armonia dolce ed amena,

Di squille di strumenti di più sorte,

La terra e l'aria si vedrà ripiena,


E trionfante dentro delle porte

Entrarà lieto nel suo primo(?) ostello

Con tutta quanta la romana corte.


Qui Farnesi, Este, il Colonna, il Savello,

San Sisto, Alessandrini, Guastavillani,

Medici, Borromeo, Cesi e Vercello,


Sforza, Madruccio, il Cornaro e l'Albano,

Montalto, il Rusticuccio, il Perinotto,

Gambaro, Altemps, il Ghisa e il Gaetano,


Santacroce, Riari, e 'l Paleotto,

Il Gonzaga, il Carafa, il Commendone,

Duca d'Austria, il Salviati e Lancilotto,


Novocomeste, il Pesa e il Serbellone,

Lo Spinola, il Gioiosa e il Simoncello,

Il Castro, lo Sfondrato ed il Borbone,


San Severino, il Lauro, il Contavallo,

Quel di Peluco, il Valerio e 'l Rampoglietto,

Valdemonte, e 'l Guiroga in un drappello,


Razivil, il Sirleo, e il Facchinetto,

Quel d'Avalos, il Cassagna e l'Aragona,

L'Armignacco, il Gesualdo e il Bolognetto,


Quel di Bauma anco ei verrà in persona,

Quel della Torre e ci sarà il Camano

A accompagnarlo, come si ragiona.


Questi dal popol mio degno e soprano

Comodamente saranno alloggiati,

Secondo i gradi lor, di mano in mano.


Saran piene le case in tutti i lati,

Di su, di giù, pel numero infinito

D'arcivescovi, vescovi e prelati.


E se non verran tutti in questo sito

I cardinali che di sopra ho detto,

Da giusta causa alcun sarà impedito.


Basta, che la più parte al suo cospetto

Saran, e dove vi trova il Padre Santo

Ivi la corte ha sempre il suo ricetto.


Oh, giorno benedetto, da me tanto

Bramato e desiato, e benign'ora

Che mirerò di Pietro il sacro manto!


Vieni, sommo Pastor, non far dimora,

Ecco che redon già l'erbe e fiori,

E Zefir si trastulla in braccio a Flora.


Già per iprati van Filli e Licori,

Danzando a gara, e le compagne amene

Spirano d'ogn'intorno arabi (?) odori


Tutte le spiagge son di piacer piene,

E i chiari fonti e limpidi ruscelli

Bagnano i campi con diverse vene.


Per verdi siepi e teneri arboscelli

Già garrir s'ode Progne e Filomena,

E suonar canne i lieti pastorelli.


Ecco la primavera alma serena,

Che con la Grazia i pargoletti amori

Seco il Diletto e la Letizia mena.


Aria soave e i mattutini albori

All'allegrezza ogni mortal invita,

E giubila il terren di tanti onori.


Ogni purgata penna è già salita

Sul monte d'Elicona a l'ombra chiara

Del limpido cristal che i vati aita,


Ogn'ingegno sublime si prepara

Mortar' con alto stile in vive carte

Al mondo la sua fama eccelsa e rara.


L'opre tue sante, che per ogni parte

Risuonan con sì chiaro ed alto nome,

Ch'in te di tempo e morte non può l'arte.


Vien dunque, e non mancar, perché siccome

Il sol alluma e scalda l'emispero

Col caldo raggio, e sue dorate chiome,


Tal, della sua presenza il santo e vero

Raggio verrà a scaldare il popol tutto,

E a illuminar la mente e il suo pensiero.


E ne trarrà ciascun tanto construtto

Che non si può dire, ché la presenza

Tua far deve fra noi ottimo frutto.


Non mancar dunque, oh padre di clemenza,

Poscia che ognun t'aspetta con desìo,

Che il tutto puoi dispor con tua clemenza,

Essendo in terra vicario di Dio.


IL FINE














Testo trascritto da: Allegrezza universale o invito di Bologna A tutte le più famose città d'Italia per la sperata venuta della Santità di Papa Gregorio XIII, ms, BAB