I L

MARIDAZZO

della bella Brunettina.


CON UN SONETTO

sopra l’Aglio.



In Ferrara, per il Bandini, 1609.

Con Licenza de Superiori.



Furnit tutt’i bagord, fornit la festa

Ogn’un trattava de volis partì,

E tra sta zent ol se sentiva a dì:

“Se be partem ol mei de nu ghe resta”.

E mi ghe dis: “Per que che cosa è questa?”,

Un me respos, “Oh meser Zan, sa si

Sem tut legat per man de quel puti,

Che trionfand va’l mond con zoia, e festa”.

E seguitand con sospir amoros

Me dis: « Le lu la tos, e’l stranuda

E amor queste tre cos mai sta nascos”.

A tal che i lo seguend ol rasonà,

Tutt per resposta cridè ad alta vos:

“Lassem ol Zanuli innamorà”.

Tut deserent laudà,

E tut in un bel circol assentat,

E le donne le fù invitat.

Mi dis: “Chi v’ha intrigat?”.

Ogn’un gridava: “La bella Brunetta

L’è quella, che n’ha dat a tutt la stretta”.

Senti questa Marionetta,

“Se be da tutti vu a son bramada

A niun de vu a voi es maridada.

Promet be a sta brigada,

Che quel che con plu garb sarà l’amor

Voi esser tutta so, lu me segnar”.

Respos ol nos dottor:

“Quest è un parlar d’una ciceronessa

Nov contentev ch’in mi la sia remessa”.

“Si si no ve rencreisa,

Signor dottor d’asculta i nos zanzum,

Che sempr fu cortesi vost costum”.

“Amor ve daghi lum”,

Con intellet comenzè su fradel,

“Ogn’un staghi ascoltà, chi dirù mei”.

Tu ti se sava bei

Tirand su i colar de le camis,

E per parlà se fa inanz ol Francio.

Digant ixi precis:

“Regarde a moi che ve pre medamisella,

Io son voter valentmo merra bella,

Se fu set donsiella,

Mi son garson, prend me per marì,

Che ve menare fuosa a mon paì”.

Respos ol Spagnoli:

“Ai mia vida, mi amores,e mi confuerto,

Mi corazzon, mi alma, e segur puerto

Non me agais esto tuerto,

Chero con vos casarmi ai vigliachiglia,

Son iso d’algo e lia mamo ermandalia,

Abla chi la bochiglia,

Se me chere lasiar, chere amatarme,

No fes tan cruda, e no chermes stratiarme”.

Il Fiorentin dis: “Parme

Che cotesto sia un pazzo cicalare,

Sarete moglie mia, s’a voi ciò pare,

Hor non mi vò vantare

Dico che vi vò bene, e dico, e dico,

Che cotesti altri non li stimo un fico”.

Respos ol Roman: « Ch’intrico

Non se ne impazzi alcuno, che a me tocca

Ditemi vu si con quella dolce bocca

Che di Castella, e Rocca

Sono per farvi padrona, e signora,

Poi ch’è piaciuto al ciel che m’innamora”.

Il Napoletano dis all’hora:

“Piglio un gusto a mirare chili dienti

Bianchi, e chiù d’avorio lucenti,

Non me fate scontenti,

Che se non t’aggio te ne accorgerai,

E di dolor mi moro hoggi, o crai”.

Ol Ferrares dis: “Sai

Ch’la s’contenta un puoc sta fantina

Cha puossa dirg l’anim mia in sta mattina

O vuda voltolina

Daimla, c’n m’fai più cridar, aimia

Ch’an pagarò una pgnata d’malvasia”.

Dis ol Zenois:

“Ra me figia, ru me coru, mi basarlo

E moro Soia se no te tegno in brasso

E questo mi nol fasso

Perche v Di d’amu si m’ha inchiagò,

E fetto sì che so innamorò”.

Ol Milanis dis po’:

“Andom in sa la me donnena,

La me bocchina, la mia pessenena,

O la mia mamena,

Lassa sanssa pur sti gogoron,

Andom so alla val , e lassa star oion”.

“M’havì pres al boccon”

Dis ol Bolognes, “Am’n’accorzi quel dì

Ch’vist qui occh’e’l vostr car bocchi,

E son il voster tempsti,

Mia mamolina sa vulid cuel

Av servirò da marì, e da fradel”.

Ol Venetiè dis anch’el:

“Tasi tasi che son inamorao,

e voio in essa esser maridao,

E se’l me sarà dao

Dal ciel, che possa haver un fantolin

Ghe voio pagare un bel saltamartin”.

Respon ol Mantuanin:

“Sa sont innamorà al sa’l Sol, e le Stelli

El me corin, le me vitini belli,

Dis al Todesc anch’elli:

“Chi stagr quest’che voler Branette,

Stagre mie queste belle fiellette

Mi voler un basiette,

E se non mel dagr prest preste

Mi te romper un boccal su le teste”.

Fornendo queste feste

Ul Zambù piè per man la Brunettina,

Dis al Spagnol, che tornas la mattina,

Perché una gran ruina

Scomenzava vegni infra costor

Ch'avraf crepat la casa, ol cagador.

Sonetto sopra l’Aglio.


Quel che no sa de l’Ai ol gran valor,

I lo te lor per cosa puzzolenta,

Dof che più tost i mangia la pulenta,

El pan de mei, ravi, e oter lavor.

E quest i fa per que quel suo puzzor

Par che a ogni sort de zent ol no talenta,

Ma za che l’occasion me s’appresenta

Voi dif de l’Ai l’eccellent valor.

Oltra che l’Ai vien tant adoperat

Ne la cusina a fa ol mangiar bo,

Per medesima ancora ol ven nasat.

Senti un moros quand’che l’ha passiò,

Che oter che “Ahi, lasso, oimè” nol te cridat,

Che par che l’Ai ghe conforti ol magò.

E color ch' è in presò

Quad’che’l zudes ghe fa dar la corda

Olter che “Ai”, stim no se recorda.

Chi tem che i can noi morda

I crida: “Aimè”, tira mo via,

Che par ch’in l’Ai ogni virtù ghe sia,

E color, ch’e in galia

Co’ comito ghe da le stropolae

Col cridar “Ai aimè” i le ha scorale.

Chi ha pannocchie piae

Quand’ol barbier col fer oi ghe da ol tai

Fa un gran rumor de cridar “Ai, Ai”.

Le donne sempre mai

Quando le partoris le fa un rumor

De “Ai, aimè, oh che brusor”,

E zuran fra de lor

Za che in dol partorì, e si gran fadiga

De no volì plù ch’ol marit le intriga.

BARCELLETTA ALLA BERGAMASCA


Voi andà in dol me pais,

A te lassi, Pedrignola,

Ma te preghi trat de fora

Tat che vedi ol to bel vis

Voi andà in dol me pais.


Ste savis ol me dolor

Che mi sent in la corada,

Credi ben che per to amor

Morirò su sta contrada,

Oh fortuna disperada

L'è ben ver quel che se dis.

Voi andà in dol me pais.


Quand a pensi che vo via,

Oimè che gran cortellada,

Sì che, dolc' anima mia,

Fate fo alla balconada,

Che me crepa la corada

Per to amor che m'ha conquis.

Voi andà in dol me pais.


L'altra sera, appres ol fog,

Mi pensava al to bocchì,

Che trovà non potea log

Co fa quel che no ha quattrì,

E parea che 'l coresì

Fus andà fin a Trevis.

Voi andà in dol me pais.


IL FINE