CANZONE

IN DIALOGO


SOPRA UNA VECCHIA

e una giovane che si pigliavano

delle pulici una sera,


cosa ridicolissima e di grandissimo spasso


Di Giulio Cesare Croce

Piglia, piglia, ammazza, ammazza!

Questa pulce traditora,

Che si pasce, e si sollazza

Di cavarmi il sangue ogn'hora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Questa pulce fastidiosa

Non mi vuol lassar posare,

Ed è tanto tediosa,

Ch’io non posso più durare

E ognhor più, col suo beccare,

Mi tormenta, anzi: m’accora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Io l’ho presa, aspetta, aspetta,

Oimè Dio, la m’è scappata,

Volea far la mia vendetta,

S’io l’havevo trappolata,

Senti, senti: ell’è tornata,

E mi dà fastidio anchora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Margherita, porta un lume,

Ch’io mi voglio spulicare

Oimè, par ch’io mi consume,

A sentirmi sì beccare,

Vien via presto, e non tardare

Dove sei, in tua buon’hora

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Io son qua che dite voi,

Che parete sì instizzata,

Fammi lume qua, se vuoi,

Ch’io son tutta ruinata,

Che le pulci m’han scannata,

Ecco il sangue che vien fuora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Serra lì quel uscio un poco,

Che qualch'un non ci guatasse,

E che poi in ogni loco

Questa cosa non contasse,

E ch’al fin non si cantasse

Come usar si suol tal’hora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!

Fammi lume da sto lato,

Piglia quella, figlia mia,

Alla fè ch’io t'ho agaffato

Par a te che grossa sia,

Oimè, l’è saltata via:

Non son buona cacciatora!

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Oh mia madre, state, state,

Non levate la camisa

Tanto in su, che cosa fate?

Voi mi fate toccar risa!

Non gridare a questa guisa,

Che sarai sentita fuora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Chi volete che ci senta,

Che non è nissun per strada?

Fusti pur così contenta,

Come molto stanno a bada

Credi tu ch’ogn’uno vada

A posarsi da quest’hora?

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Horsù, sia come si voglia,

Stia a l’ascolta pur chi vuole,

Se le pulci ci dan noglia,

Ci vol fatti, e non parole,

Se andiam dietro a queste fole,

Starem qua fin all’aurora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Eccon’una che si ficca

Fra le crepe, state salda.

L’hai tu presa? Stricca, stricca!

L’è pur morta, sta ribalda.

So che data m’ha la salda

A le dita, pùh!, in mal’hora

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Io n’ho pura ammazzat’una

E n’ho un’altra sotto l’ugna,

Stricca pura, non far ch’alcuna

Più s’arrischi di far pugna.

Ma per una ch’io ne giugna,

Le migliaia saltan fora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Vammi, porta qua un catino

Con de l’acqua, figlia cara,

Né mi star troppo vicino,

Ch’io n’ho qua le centinara,

Piglia, piglia, para, para!

So ch’ognuna ben lavora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Madre mia, non vi movete,

Ch’io n’ho tre sotto sto dito,

Oimè, Dio, quante n’havete,

Oh, ch’esercito infinito!

Ci bisogna altro partito,

A voler ch’ognuna mora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Volta il lume pur un poco,

Ch’io n’ho quivi un squadron grosso,

Non mi piace questo gioco,

Che mi saltan tutte addosso.

Tal che qua più star non posso,

Che ciascuna mi divora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Su le gambe, n’ho un milliaro,

Che mi dan grave tormento,

Su le coscie un mezzo staro,

E su i fianchi me ne sento,

Oimè, Dio, che ‘l lume è spento,

Va’, l’impizza, e torna hor hora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Non lo voglio più apizzare,

Ch’io vo’ girmene a dormire,

Vallo, impizza, e non tardare,

Né mi far di più instizzire,

Non mi fate voi più dire,

Ch’io vo’ a letto sempre a st’hora,

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Margherita, torna qua!

E non far più ch’io t’aspetti,

Ch’alla fe’, s’io vengo là

Ti darò de’ buon buffetti,

Perché par che ti diletti,

Farmi in barca andar ogn’hora!

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Ecco qua, ch’io son tornata,

Con il lume un’altra volta,

Non sete ancora spulicata,

No. Fa’ lume. Volta, volta.

Oimè, oimè, che turba folta!

Che la pelle ogn’hor mi fora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Guarda qua questo gallone,

Com’io son tutta beccata.

Ed io qua dentro un scossone

Me ne sento una menata,

Ma son pur la gran sgarbata,

A star quivi da quest’hora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Horsù, pur vattene a letto,

Lassa a me tutto l’impaccio,

Ch’io le voglio al suo dispetto

Prender tutte e farne straccio,

Dormi tu sul mataraccio,

Ch’io starò su questa stuora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Madre mia, parmi ch’io veggia,

Se ben miro con quest’occhio,

Una cosa che passeggia

State ferma ch’io l’adocchio.

Ecco qua ch’egli è un pedocchio,

Che qua dietro fa dimora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Un pidocchio! Ohimè, meschina!

Con chi son io conversata?

Certo fu la Sabatina

Che con me stette assettata

S’una banca, oh, sventurata,

L’altro giorno più d’un’hora

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Oh disgratia maledetta,

Mi mancava ancora questa

A venir sta sporca setta

A fornir la nostra festa,

Sai se gli alza su la testa,

E passeggia da signora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


A la fe’, tu non andrai

Questa volta troppo altiero,

Che se già mi desti guai,

Pagarai il dacio intiero.

Vien pur qua su sto forziero,

Ch’io ti vo’ chiarir hor hora

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Hai sentito se ha chiocchiato?

Credi tu che’l fusse pieno?

Che dui giorni mi ha beccato

Hor le spalle, ed hor il seno.

Ma l’ho castigato a pieno,

Né più credo ch’el mi fora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Poveretti noi meschini,

Ch’ogni mal par che ci adocchi,

E stiam qua per sti camini

Fra le pulci ed i pidocchi,

Piattol, cimici che gli occhi

A cavar ci stan d’ogn’hora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Guarda pur che cosa è questa,

S’io son ben accomodata,

Che le pulci fan la festa

E i pedocchi fan giornata.

La lettiera incarognata

E ogni cosa va in mal’hora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Horsù, andiamo pur a potare,

Che d’ogn’hora più m’instizzo,

Domattina vuo’ brugiare

La lettiera e ‘l pagliarizzo

La coperta col storizzo,

E quei strazzi tutti anchora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Voglio innanzi star in terra,

O dormir su quel cassone,

Che sentir l’horrenda guerra

De sta cruda natione,

Che non ha discretione

Ma col becco ogn’hor lavora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


Margherita, va’ a dormire,

Che più qui non voglio stare,

perché mai potrei finire

Queste bestie dissipare.

E ti voglio ricordare

A levarti sù a buon’hora.

Piglia, piglia, ammazza, ammazza,

Questa pulce traditora!


IL FINE


Ad istanza di Bartolo-

meo dalle ventarole, nel

Frassinago