Le cento e dodeci

CONCLUSIONI

in ottava rima


del plusquam perfetto dottor Gra-

tiano Partesana da Francolino

IL DOTTOR GRATIANO

alli lettori


A son, sa nal savidi, Gratian,

Addutturad in tutte le rason,

Poeta chgnusud da luntan

E da pressa a so star al parangon;

Medeg insolent da guarir unsan,

Astrolog, che chgnos squas ugnon

E Nigrumant, da far a truvar

Quanta roba se vol, cun i denar.


Le cento e dodici conclusioni del dottor Gratiano Partesana da Francolino


Mi son, com se sa, quel gran Duttor

Sì famos in le littre, e sì sfundrad

Che di tut i longista a son mior,

Al più savi, al più dot, al più agarbad,

Filosf, e delinquent parlador,

Logico e fisico pien d'autoritad,

E chi non crede a la mia scienza bona,

Guarda la vesta, e po' la mi persona.


Qual dì ch'a sustintè st' cunfusion

A hiera in la mia patria, a Franculin,

E sovra Marc Tullij e Ciceron

A fiè un convent vulgar e un latesin,

Quand'havì dischiarà la mia upinion,

Qual fu intesa da pres e da vsin,

I se stupin d'mond, e d'tal via

Ch'agn hom s'innamuriè dal fat mia.


Qui cominciano le conclusioni, e prima


  1. La rosa ch'è fiorida sa da bon,

  2. E l'homo che camina n'n'è mort,

  3. Un che sempre habbia stort, mai ha rason,

  4. La nav ch'è in alt mar, è via dal port,

  5. Chon on vol star in spas, fazza qustion,

  6. E chi non vol andar pian, camina fort,

  7. E quel ch'è fat quadr, non è tond,

  8. E chi non vol esser prim, sippa second,

  9. Un stort e un gob non sarà mai drit,

  10. E al dì d'ancua non po' esser doman,

  11. Quel c'harà fat qualch gran delit

    Ch'al guarda a non andar al boia in man;

  12. Un affamad harà grand' appetit,

  13. E un ferrares non sarà mantoan,

  14. Quel che va sol è senza cumpagnia,

  15. E chi non vol andar inanz, resta d'dria,

  16. Una donna che fazza di fiuo

    Al se po' dir qualchun l'ha ingravedada,

  17. Un che staga lontan sempre da i fuos

    Al non sta appresso della so brigada,

  18. I cisar non in fat com' è i fasuo,

  19. E una dunzella non è maridada,

  20. Un zentilhom non è cuntadin,

  21. Es ha più temp un vecchi d'un puttin,

  22. Un ch'è adurmintà non è sveggiad,

  23. E chi sospira par de mala vuoia,

  24. Un inferm se può dir' amalad,

  25. E quel che crida fort, ha qualch duoia,

  26. Un che sippia ghiutton, l'ha del trincad,

  27. E chi va nud' in let, al se despuoia,

  28. Un che sia mort non po' più parlar,

  29. E chi non vol far una cosa lassa star,

  30. Un fiol ch'è nassu, vist al present

    Ha manc temp che non ha so par,

  31. Un vecchi, che non appa in bocca dent,

    Al dura gran fatiga a mastgar,

  32. Un che sia ricch d'or e bon arzent,

    Al pol spender, sal vol, e truinfar,

  33. E po sostent ancor con mille prov

    Ch'al se bagna la testa qual al piov,

  34. Un ch'è <a> caval, al non m'par a pia,

  35. E chi è in barca non camina in terra,

  36. Chi vol star san, ni pias la malatia,

  37. E un che sia pultron, fuzza la guerra,

  38. Chi n'ha dinar, non vaga all'hustaria,

  39. E a chi ni pias l'us avert, ch'al serra,

  40. E si ve prov' ancor per mille strad

    Che con li ove se fan bon frittad,

  41. Un che nons tudia non sarà duttor,

  42. Chi n'è curtes, sarà tgnù villan,

  43. Quand' al sarà sunà le quindes hor,

    Al vegnirà le sedes a man a man,

  44. Un che sia becch, la pers al su hunor,

  45. E un che roba, l'ha cattive man,

  46. Chi va descalz al n'porta scfon,

  47. E s'è bon i fasan, e anch i cappon,

  48. A prov' ancora ch'un che sia castrà

    Harà una gran fadiga a zenzerar,

  49. E chi è alla villa è fuor della città,

  50. E chi ha la rogna, ha spesso da grattar,

  51. E chi è vecchi ha del temp pur assà,

  52. Un senza gamb stenta a caminar,

  53. E chi casca in tun poz o in t'un androna

    Se bagnarà la vita e la persona,

  54. Colù che va lontan dal so paes,

    Al se descosta dalla so città,

  55. Chm' un l'ha trenta dì, l'ha squas un mes,

  56. E sal n'ha trentadu al l'ha passà,

  57. Le cos ascos n'se fan pales,

  58. E assa' zent la not l'è adurmintà,

  59. E po farò veder a l'ignurant

    Ch'al polent non è vers al lovant,

  60. Un gulos vurè sempr un bon buccon,

    Pur ch'al se trova chi ial vuoia dar,

  61. E tutti quij ch'andaran in preson

    I starn lì fin ch'i lassan andar,

  62. Al fred un despojà non ha del bon,

  63. Quand'è du insem al se po' dir un par,

  64. E che d'invern mai canta al cuch,

  65. E chi è de carne non sarà de stuch,

  66. Quand' al se vede l'alba ch'apparis,

    Quell'è segnal cal vo' vgnir al dì,

  67. Quand'un guarda una cosa fis, fis,

    Sal non la ved, l'è mez adurbì,

  68. Un che lassa al bon vin e s' bev al pis,

    O l'ha pers al cervel o l'è ammatì,

  69. E un che non ha barba in sal mustaz

    O al n'l'ha fatta, over che l'è un ragaz,

  70. Quel che tra' via la roba <è> un gran minchion,

  71. E quel che la ni pias è ancora più,

  72. Chi lassa un gallinaz per un pizzon

    L'è ben da chiamar mat e turlurù,

  73. Chi brama dal cattia e lassa al bon,

    L'ha poc' inzegn' a dirla qui tra nu,

  74. E, segond che mostra al mia quadern,

    L'è più cald l'istà che n'è l'invern,

  75. Un che n'n'oda mai die esser sord,

  76. E chi n'parla sarà tegnu mut,

  77. Quel che manza con furia ha dell'ingord,

  78. E quel che fa del rest, fa de tut,

  79. Un c'ha poc zervel, ha del balord,

  80. Es pias assà più al bel a ognon che al brut,

  81. E al dir d'tut, l'è mei haver quattrin

    Che andar per le merzè di sua vsin,

  82. Un che lavora sempr' al dì e la not

    Se po' chiamar un hom affadigà,

  83. Un che manza se ben al non è cot,

    O che l'è un lov, o che l'è affamà,

  84. Un, che zugand a i dà, tira disdot,

    E se pol dir ch'al tira pur assà,

  85. E un desperad, che sia senza confort,

    Se al s'ammazzas, al se darè la mort,

  86. S'una donna voles far bugà,

    Al ghe va fuog, cener, legn e savon,

  87. A un che sippia de vita passà

    Non ghe zova sirop, pilol', o untion,

  88. E chi ha della fameia pur assà,

    Sal la cuntenta tutta, al fa un gran bon,

  89. Perché al dis al pruverbi, infra la zent

    Che ognon vurè a st'mond' esser cuntent,

  90. Un c'happa despiaser, ha gran'affan,

  91. E chi ha di zocch, po' far d'le stel,

  92. Chi va cercand al mal, trova al mal'an,

  93. E quand al piov, l'è bon al capel,

  94. Quel che perd la roba, al se fa dan,

  95. E un mat non ha trop cervel,

  96. E con bon fundament a prov' ancora

    Ch'un bel murir tutt' alla vint'un hora,

  97. Tosto chal sol se lieva in urient,

    La not fuzz con tut le strel,

  98. Cosa per forza mai non vals nient,

  99. E un che manza mena le massel,

  100. Un puvret che non ha nient

    Non po' fallir per quest né per quel,

  101. E un che casca e chal sia da per lu,

    Ch'al n'aspetta nigun chal leva su,

  102. E sal pan no se fies de farina,

    Sarè soverchi a semenar furment,

  103. Un che sia san non tuoia medesina,

  104. E chi n'è ben vestì, non vaga al vent,

  105. E se qualch'un n'èp tgnir l'urina,

    Sal non la pissa al n'farà nient,

  106. Et ego probo col mie bas inzegn

    Ch'un baston gross se po chiamar un legn,

  107. Chi vol passar al mar, lassa la riva,

    Altrament al starà de zà o de là,

  108. L'uolij da frizzer vol esser' d'oliva,

  109. E chi sta sempr ferm, mai non va.

  110. Un senza fia non po' sunar la piva

    Al iuditij d'ogn'hom quest al se sa,

  111. Un che rasona vurè dir qualche cosa,

  112. E chi dorm in tal let par che reposa.


Quest in le cent e dods conclusion

Le qual mi ho deschiarà, vist al present,

Dnanz al duttor Zocca e Smurfion,

E Michlin, duttor tant insulent,

E tut i altr, che fan prufession

De sta scientia, canaiole o zent,

C'han dit ch'a sustent la busia,

Ch'i studia prima, e po chi viegna via.


Ch'a i mustrarò con la rason in man,

A chi voles contra aregumentar,

Ch'a son duttor, e son al ver Gratian,

Quel c'ha insegnad a tut de parlar.

Al mond me cugnos, le zent al san,

Se so chiar i dubij e disputar,

Qui che diran che mi non son dutor,

Recipe, al so mustaz un cagador.


Finis.