CHIACCHIARAMENTI

SOPRA TUTTI I TRAFFICHI

E NEGOTII


Che si fanno ogni giorno su

la piazza di Bologna


Composti per il Croce, opera

da ridere.

Il tempo stretto, la gran carestia,

Le passate miserie e gli accidenti

Han fatto far un habito a le genti

Ch’io non credo mai più si levi via.


Qual’è, che per salvarsi da la ria

Fame, han venduto fin’a i vestimenti,

I letti, le coperte, i paramenti,

Sedie, banzole, ed ogni masseria.


Ma ancor che il pane si sia ingrossato alquanto

E che si possa star meglio a martello

E vi sia più allegrezza in ogni canto


Non però resta ancor, che tal cimbello

Non si senta per piazza tanto, quanto

Né più né men se fusse tal flagello.


E di questo e di quello

Sopra ogn’arte che fanno, e ogni mestiero

S’odono i gridi tutto il giorno intiero,


E per segnal del vero,

Chi brama di volersene informare

In piazza vada, e ponga ad ascoltare.


Che sentirà gridare:

Oh, là, chi vuol comprare una camisa,

Ch’è tutta ricamata a la divisa?”


Al ferraiol di frisa

Ch’al tol, oh là, chi compra un calzadur

Ch’vuoll un lanternin d’andar al bur?”


Oh, al bel petnadur,

Ahio’ qui un par de calz, e un bel zippon”,

Chi vol una padella da maron?”


Per tre lir un saion”

Quaranta bulgnin questa traversa”

Chi vol una plizza per la fersa?


Vultala a la rversa

Cha vedrì per dentr cun l’è fatta

Ch’an pinsas, ch’la fus d'pel d’gatta”.


Chi compra sta pignatta?”

Hosù, chi vol questa casacca, oh là,

Per quatr lir, e s’è de muchaià?


L’è un poc arpzà,

Qui, da sta banda, mo al n’ ne ngotta,

Chal’n’se ved ch’l’è per dsotta”.


Chi vol sta zucca rotta?”

A chi doia al filindent a un iuli al braz?”

Chi compra tutta sta massa d’straz?”


A chi vendia st’ buraz,

Sta tovaiola, con st’pansel?”

E mi, a chi doia un curdon pr al capel?”


La gabbia per l’usel,

Chi la compra, oh là?” “Chi tol st’candlier?”

A vuré dar via sta bursa, e st’carnier”.


Chi compra al sparvier?”

Chi tol sta bella chioppa de curtia?”

A chi doia mi sti quattr pansia?”


Osù, tirav via,

Tuliv un po’ dinanz, fanesin,

Ch’a no bisogn, de chi n’a quattrin.”


La paletta e al zampin,

Oh là, ch’al tol?” “A vrè vender al pugnal”,

Chi vol st’scatlin, e st’didal?”


A vrè dar via al grimbal”,

Chi vol cumprar sta bella coronzina?”

Chi tol st’forbsin a la zimina?”


A iho qui una guaina

Con la curtliera, chi la vol?”

A vrè dar via la spada, chi la tol?”


Chi compra al tovaiol?”

Chi vol per sia quattrin un fazulet?”

Chi vol per un cavallet un cularet?”


Tre lir al bel cullet!”

A chi doia st’habitin fornì d’arzent?”

Chi vol un Dant con al so cument?”


A chi doia al parament

Da let, chè bell’e nov, es è affiuccà

Con le so franz attorn, e da ugn là?”


Chi tol st’scarp, oh là?”

Chi vol sta camisola de bombas?”

E mi, a chi doia st’zibbon de ras?”


Guardà un po’ s’al ve pias

Sta covertina, per du ducatun?”

Ch’vol cumprar sta gabbia de pizzun?”


Chi tol i cavedun?”

Chi vol sta traversina de terlis?”

Chi tol de la curdella da camis?”


Chi compra sta valis?”

A vré dar via sta cassa da liut,

Sti chiod e sti guerzit, chi compra tut?”


St’caplin pr un put,

Chi al compra, oh la?” “Chi vol st’ cusanin

Per meza barbarina al bel lumin,”


A iho qui un timprarin,

Ch’al vré dar via, ch’al vol pr una muraia?”

Chi compra st’linzol e sta tvaia?”


La gabbia per la quaia,

Chi la vol, oh là, tulila, a tut i pat”,

Chi vol la trapla da piar i rat?”


Chi vol sti quatr piat?”

Chi tol sta tela che n’è anch sutta,

A dies bulin al braz a torla tutta?”


Chi compra pr la putta

Sta bella filzettina d’curai?”

Chi compra al bel cular con i sunai?”


Chi tol st’palamai,”

Chi vol pr quattr lir un sbarain”,

Chi tol sta tassa pr al fansin”,


Chi compra st’cadin

St’bronz e st’bazil, ch’al vol cumprar?”

Chi vol un par d’calcol da telar?”


Sta red da pescar,

Sù, ch’la compra?” “Ch’ vol una streia?

Mi turè qual tri pia, mo a n’ho poì teia”


Guarda un po’ qui me zeia,

Sal fa pr vu sta bella vulselina,

An vuoi altr, che meza iustina”.


Ch’vol sta panirina,

Da tgniri dentr i fiur? La vuliv fiola?”

Chi vol st’ calzedrin, chi vol sta rola?”


Chi vol cumprar la spola?”

Chi vol st’par d’ ros da schfun?”

Chi compra sta canella, e sti duzzun?”


A ch’doia sti bragun?”

Chi compra una chiavetta da vassel?”

Chi vol st’fer, chi compra al falzinel?”


Chi vol un bel bursel?”

Chi vol sta storta, oh là, chi vol sti guant,

Chi vol sta bella bursa, oh l’è galant!”


Al livr de Murgant,

Ch’al tol, oh là?” “Chi compra al plizzon”,

Chi lecca st mortal con al piston?”


Chi compra st’saccon

D’meza lana, chi tol le cesur,

Al bell’istori, e ‘l brut figur”,


Chi compra al duanadur?”

Chi tol sta lesna?”, “Chi vol sta merletta?”,

A ch’doia un bel fundel per la mzetta?”


Un pal per la zvetta,

Ch’al vol, ch’tol l’muoi, e la cadena,

Sù, ben, ch’am possa tor dal pan da cena”.


Vgnì qui, zea Madalena,

Guarda s’al se v’affa quel pianel,

Ch’a v’l’vuol dar a vu pr tre gabel”.


Chi compra st’curtel

Da pistar i prassua”, “Ch’tol la stadiera?”

Chi vol un maz d’cart da primiera?”


Sta sporta, e sta spalliera,

Sta grattusa, sta scatla, e st’scrimai,

Ch’al vol, sù, tulì tut st’bagai”.


E così tocca, dài,

Mena, rimena, chiacchiera e borbotta,

Crida, brava, cammina, corre e trotta


Hor soli, hor tutti in frotta

Vanno costor vendendo e ricomprando

Varie pisaccie, sempre travagliando


Il mondo, e zavagliando.

V’è poi chi vende polvere da denti,

Chi profumi di pasta, chi pendenti,


Chi vende vari unguenti,

E chi palle muschiate e chi pomata,

Chi moscardin, chi da angelica odorata,


Chi mostra a la brigata

Carte e disegni, medaglie e novelle,

Chi ha serpi in man, chi fa le bagatelle,


Chi raglia le scarselle,

Chi fa l’orbo, chi suona il chitarrino

Chi fa saltar il can, chi il babbuino,


Chi fa da Bagolino,

Chi da mastro Martin, chi da Trastullo,

Chi da Zaffo in commedia, chi da Bullo.


Ogn’un si da trastullo,

Ogn’un sguazza, ogn’un gode in questi rivi,

A la barba di quei che son corrivi.


IL FINE




Testo trascritto da: Chiacchiaramenti sopra tutti i traffichi e negotii che si fanno ogni giorno su la Piazza di Bologna. Composti per il Croce, opera da ridere. In Bologna, per Girolamo Cochi. s.d., BAB