CHIACCHIARAMENTI,

VILUPPI, INTRICHI,

TRAVAGLI ET

cridalesmi,


Fatti nel sbaragliamento, ovvero mutare

massaritie, che si fa in Bologna

il mese di Maggio, il gior-

no di S.Michele.

ALLI LETTORI


Questa longa scorsa, in cui vo imitando i viluppi delle parole del levare e del commodamento delle massaritie delle case, che per San Michele di Maggio s'usano di mutare in Bologna, havendo io da tre anni in circa in lingua natìa, e più: plebea, per dilettare altrui composto per ridirla talhora nella mia Lira, come che ho fatto e qua e altrove, là dove, benché veduto havessi il gusto che ne ha sentito universalmente ogn'uno che fin qui da me l'ha intesa; non haverei nondimeno per me medesimo giammai mosso il pensiero a darla in luce, come cosa leggiera e debole per se stessa, oltre che molto bene conoscevo che non era riuscibile presso le altre genti che non posseggono la nostra lingua materna bolognese, ordinariamente ne' suoi puri naturali mutilata, scema, diminuita e difficile per lo più a proferirla, e quasi sempre impossibile a scriverla, de i quali mancamenti non vengono forse l'altre lingue gravate; tutta via, stretto dalle preghiere altrui e forzato da gli amici a farlo per levarmi il tedio da canto d'haverne a dar copia tutto il giorno a questo ed a quello, mi son contentato si stampi, come che si vedrà, al meglio che si può corretto fra tante scorrettioni ed inetie osservate dalla più vil gente che si pratica, pregando i più mediocremente instrutti ed i sensati che vogliono balbutire meco, discendendo col lor gusto al basso della mia imitatione, ed il scusare gl'imperfetti che in sé porta questa cosa lieve, alla quale, aggiongendovi alcuna perfetione, si corromperebbe la sua perfettissima imperfetione, assicurando che in avvenire, quando porrò fuori cosa di mio gusto, che anco il mondo restarà più appagato che di questa presente. Acettate il buon' animo, e state sani.

Io vo cercando ogn'hora nuove vie,

Signori, da potervi allegrare,

E col cervel m'ingegno di trovare,

Per darvi spasso, mille fantasie:


Onde, fra tutte l'altre bizzarrìe

Che pel passato v'ho fatto ascoltare,

Una garbata ve ne vo contare,

Se date audienza a le parole mie.


Qui sentirete il gran chiacchiaramento

Fatto d'assai persone in sbagagliare

Per San Michel di maggio le bisazze,


Il cridalesmo, il gran mesedamento,

Le dispute, il rumor, e 'l travagliare,

Lo spezzar de' catin, pentole e tazze,


Con certe parolazze

Usate da diversi pigionenti,

Che d'humor sono stati differenti.


Adunque state attenti,

E acciocché meglio ella vi sia palese,

Ve la dirò in lingua bolognese.


Alli otto del mese

Di maggio, andavo per veder sgombrare

Per le contrade e per udir cridare,


Per poterne cavare

Questo suggetto e questa fantasia,

E così per le case si sentìa:


Oh su, viegnin via,

Cosa stav mo a far? Und' è i facchin?

Su, chal se sgombra via de qui st'vin”


Tirà in là quel cadin,

Destacca quella scaffa e quella rola,

Met lì quel fus in quella panirola.


T'n' perd quella spola,

Met in là sta pignatta e sta scudella,

Tirà via un poch al chiod d'la padella”.


Und'è l'altra pianella,

Metla con quell'altra in le casset,

Su, chal se sgombra un poch st'quadret.”


Fa' in là quel barilet,

Met lì tut quij straz in s'una massa”,

Chi m'ven aidar' a purtar zo sta cassa?”


Lassa star lì quell'assa,

Cha la n'è vostra”, “E mi digh ch'è mia,

Cha la tegniva sovra la lissia,


Es la purtarò via”.

T' ni la purtarà zà, lassala lì”,

A i la purtarò pur, vet là mo qui.”


Sal lo sa mia marì,

Ai serà altr che baie po' tra nu.”

Mo diel, cha t'n'insto a ti e a lu”.


Osu, n'in dir zà più,

Chal se sa quella che ti è, e che ti è stà,

Osù, a n'vuoi dar udientia a una sfazzà,


Và crida in sal mercà”.

Mo vai ti, ch'al gli và i par tua,

O guardat dal Diavl un poch' ancua”.


Mo t'm'farà la bua!”

E finila de gratia un puchtin,

Oh, al dseva ben i mia vsin,


C'harev al mal mattin,

Sa vegniva in sta chà, cha sì zintaia,

Che n'savì praticar s'n'd'la canaia.”


Osù, finì sta baia,

E atindì a purtar via d'st'bagai,

Purzim un puchtin quelle tanai,


A vrè trar zo l'murai,

S'al fus pussibil, e ruinar sta chà,

E tanaiar cusì chi armagnarà.”


A so chi vgnarà

Starà a fresch, l'è humid st' camin,

Es tien sempr dal fum', e s'è pznin,


Mai ni ha spes un quatrin,

Es vien zo tut quant quel canton,

E sat s'al cor a tor po la pison.”


Osù, st' credenzon,

Purtennal fuora, al quadr' e la cassetta,

Ch'ogn' cosa starà in s'una caretta.”


Tua su quella mzetta,

Al bicchier, al salin' e al salarol,

E la busla dal pevar, e l' basiol.”


Via ben con quel banzol,

Tua su quella paletta, e quel zampin,

Port' anch via la schranna dal fansin.”


N'è ma' turnà al facchin?”

Sì, sì, l'è qui, tulì su la ltiera,

Al paiariz, al let e la spalliera”,


Tulì su la stadiera,

I starà la cadena, e i cavedun,

Al gli starà ben anch quij bragun,


Tulì anch sti schfun”,

Osù, andà via, e n'stadi a cridar,

Ch'st'altra volta, a turrì po' i tlar.”


Al bsogna dstaccar

Un poch quell'ancona e quel quadret,

E tgnì adaccat, de gratia, le ferlet”.


Chiama in zà quel tuset,

Ch'attenda a st'bagai, ch'n'sian rubà”,

Quel sparavier, l'haviv destaccà?”


Sì, denij una scussà”,

Oh quant cims, oh vet cal ie niera”,

Al n'è ben più tra li ass d'la ltiera”


Ch'l van a schiera a schiera

Es bisugnarà far un sbuinton,

S'al vren cavar de quij canton.”


Oh vedì che cimson,

Chmod al camina, su, dai, su di pia”,

Oibò che puzza, oh che poltronaria”,


Osù, purtal pur via.”

Tua su quel supiadur, e 'l baccalar,

La lum, al candelier e 'l calamar,


Al cantar lassal star,

Sel bisognas per sort a un de nu,

Al serà l'ultm a purtar; mettil qui su.”


N'è ma' turnà custu?”

A son turnà, mo culù n'me vol dar là,

In quella chà, fin che nona n'è sunà.”


Oh l'è al bel sagurà,

Mo chi sì sal me la fa brisa muntar,

Cha vo fin là, es me fo smattar.


Ai vuoi un poch andar”,

Eh, de gratia, n'fadi custion,

Che vuliv mo far? Metì zo quel baston”.


A vuoi che quel zaltron,

Se lieva via del cert sta mattina,

Oh ch'aiel vuoi spezzar in sla schina.”


E andai a la mulesina,

In t'ogn mod a nal pussì sfurzar,

Es ve vulì per nagotta ruvinar.”


No, no, lassam andar”,

A digh mi, an ve vuliv tor via,

Cha possa mettr in chà la robba mia?”


Metila là, in sla via,

Overament purtala in sal merchà,

Che vuoi star qui fin che non è sguzlà!”


T'vuris do bastunà,

E darti in mod che t'n'manzas più pan.”

E n'm'fad' al manza chstian”,


Mo n'far ti al quan quan”

No, no, mi n't'astim un bagattin,

Es ti vuris del bot' e di quattrin,


Mo sat viegn vsin,

Mi non ho da far negotta, vien pur via”,

Orsù, che cosa è questa? Stad' in dria”.


Dsim in curtsia,

Che differentia è questa ch'è tra vu?”

Custù che vol ch'ai daga luogh a lu,


E ch'andema po nu

Da qui altr pisunent a far rumor,

S'in se volin partir nianca lor.”


Orsù, su con amor,

Asstav insem, che l'è cosa da far,

E non an' po star trop' a sunar.”


Mo l'è vegnu qui a bravar.”

Mo a i son vgnu cha son indiaulà,

A veder tutt' al mia mobl sparguià.”


Mo n'hat mo manzà?”

E si n'stad a replicar mo più,

In quest cont havì mo tort vu.”


Mo l'ha pur tort lu,

Che l'è vgnu qui a far al braganos,

Tutt'imbavà, e a farm al sgherr ados.”


Mo ben a si arscos,

S'l'è vgnu qui e che l'apa bravà,

Al n'v'ha po nianch trop inzurià”.


Osù a sen bia accurdà,

Purtà le rob, s'al vulì purtar.”

Guardav' o là, me vuliv lassar passar?”


Oh, dund andav a star?”

A vo a star qui de sotta in questa chà,

E vu?” “E mi a viegn qui de zà”,


Stariv miei qui o là?”

Chin soia mi? Al iè da far per tut:

Quel camin tien del fum, quest n'è sut.”


E a stievi in luogh brut?”

Non dsì cusì, i fussia pur restà,

C'haveva là cinquanta comdità:


La cort, la tuà,

Chiavega, poz, cusina e schiaret,

Un po' d'un ortesel e un granaret,


E sotta un porteghet,

Al so casel, ch'a i psev andar,

Comodament o piover' o nevar.


Per cont del pagar,

La pison niera nianch trop grieva,

Es i tolevin po' quand a ien dieva,


Mo la bsugnà cha lieva,

Che quel femm' iern' insem vgnù a le man,

Es fievin sempr com fa i gat e i can.


Oh, savì com le fan,

Le stievan sempr a dirse villania,

Tant c'ha dig: l'è miei cham tuoia via”,


L'è anch cusì la mia,

A stieva tant ben' anchora mi,

Mo le cridavan sempr tutt' al dì.


Orsù, Dia ve dia 'l bon dì”,

A revederz, com a sem vesin”.

Guardav, oh là, chal passa sto facchin”.


Ah, al v'è cascà un zampin,

Es vol anch cavarv' una banzola.”

Mettil, degratia, qui in sla carriola”.


A dia, quella fiola,

Cosa haviv in quell'olla, i è del mel?”

No, glien oliv, c'ha fen san Michel”.


E vostr padr, ond'el?”

A l'ho de dria, chel ven ancha lu qui?”

El que ch'è dria quel car?” “Madonna sì”,


Vuliv far colation con mi?”

Madonna no, gran marzè” “A m' archmand,

Vegniz a veder, com' a vegnì in st'band”.


Orsù e quand e quand

Hariv furnì de vgnir nostr vesin?”

Mo vdì, a srem qui fra un puchtin,


Aspet qui al facchin,

Che n'ha più d'una carga da purtar,

Cha volen po cominzarz a rassettar”.


Guardà, guardà, cumpar,

Chal casca dal car n'so quant' as,

Es, bri, sta sald, oh, oh, a sen in chias,


Tirav' inanz un pas,

Oh, sia maldet le carra, ed anch i bruoz”,

Hoia fat una botta di scodoz?”


S'havesse pur di tuoz

Da cuoier su quest' uolij ch'è cascà”,

Puvrina mi, me sonia mo avià?”


Oh, guarda sta qutà,

Ch'è fessa fin a mez anchora lia,

Es m'ho fatt' una macchia qui de dria.”


Orsù, tulì via

Ch'al n'è temp da star a smergular,

Chal i è di altr che volin passar”,


Oh pusav sprufundar

Con quella carretta” “Poca descrition”

Chi ha mancà ch'an m'apa mos' un galon?”


Al nies fuora al cucchon

De quel vasel, oh là, fermà, fermà,

Ch'an buttadi al vin là per la strà”


A iho squas biastmà,

La prima, che vos ma' star per massara”,

Hoia mo' rott al cul' a st'inghistara”.


Tegnì alt quella manara,

Oh là, a ve n'andà cusì da balurdaz:

A m'havì squas' accolt' in tal mustaz”.


Dè che quelle besaz”,

Mo glien nostr, vdì qulì vsin,

E quel pignat, cha muden tapin”.


Oh havren bel vsin,

A me n'alliegr ben, chin dsiv, compar?”

A dirv' al ver, an m'in vuoi za allegrar,


Perché s'a i vien a star

Qui d'le femne che n'apn bon udor,

C'ha d'le fiol an n'fa po per lor:


L'è tant car l'hunor,

Chal bsogna, v'so dir mi, star in cervel,

Che poca cosa s'met un capel.”


Guardà, guardà al vassel”

Passà pur via, che r'mor è quel ch'è là?”

Ien pisonent, che cridan' in quella chà”.


No, no, tirav in zà”,

Lassala pur sfugar quella zanziera,

Ch'el par ch'al non se sapa quel che l'iera”.


Tas, tas, cursiera,

T'sa ben che per una muraiola,

T'vindis l'hunor de to fiola”.


Ti t'mient per la gola,

Linguazza longa! Si ti fiev la veia

Con qui scular in casa de to zeia”


Vuliv chav conseia?

Lassala chiacchiarar, fiola mia,

E non ve stad' a dir più villania.”


Mo ch'la vaga pur via,

Al pisonent sta fresch dond la va”,

Mo t'cunzarà ben ti, quel chi vignarà”.


Osù, andaven' in chà,

Vediv là le vostr vsin lor,

S'al se ved che 'l se portavin grand' amor”.


Al se me schiappa 'l cor,

Surella mia, ades ch'am in vo,

Che Dia sa in l'altra com' a starò,


Cha cred ma dapo'

Ch'a sen insem, mi e sta fiola,

Ch'al ni è sta in tra de nu una parola,


S'n' quand la so cagnola

C'manzò una pignattina de forment,

Ma voltà l'occhij, al n'fu po nient”,


E si al n'se tien' a ment

Sti bagattel, orsù, Dia ve dia 'l bon dì,

Basam di gratia, inanz ch'av partì”,


De gratia, n' pianzì,

Ni è del temp da turnar da nu,

Al par cha n'c'apan a veder mai più.


Orsù, a m'arcmand a vu,

Turnà da nu, com' a si accomdà”,

A vgnaren ben”, “Degratia, n'mancà”.


Guardà, che ha rebaltà

L'agrest, chal brocchet se dstoppa,

A sent ben mi, che la me va per la coppa.”


Tulij, mettij sta stoppa,

Oh, a son si' muoia po far al festug”

Vet cha darò la salda a le lattug.”


Osù, tulì su al rug,

Guardà la biestia, oh tus, tuliv via”,

Und 'andav, madonna Nastasia?”


Ch'in soia mi, fiola mia,

A vurè andar per fin in Predalà,

Cha son, a dirt' al ver, meza curzà,


Che mia marì, sgarbà,

M'ha menà a star in la Puiola mozza

In t'un camin chan si ved una gozza,


In tì'una chà sì sozza

Le murai ruvinà, humid' e brut,

Chal puzza de rumatg da per tut.”


E nu n'sen anch' redut,

A sen dria tuttavia a sbagaiar,

Orsù, a son vostra, archmandam a to mar”.


Non stad' a cridar,

Chal bsogna cham' dad una gabella,

Cha fia metter' la corda a la cirella,


E zo in la curtesella,

A fia cunzar quel mur, ch'n'psseva più,

Che me venn cinque paul' anchora lu,


E a quella fenestra su,

Ai fiè metter do pian' e un capuzzol,

Che me vignin tutt do do moraiol”


Quest' i en mo tutt' fol

Cha dsì ades, es n'è ver nient,

Chal m'ha dit quel' altr pisonent:


Av fo ben un present,

Perché a i ho vist chal ve tira la gola,

A quella corda e a quella cigugnola”.


No, no, in t'una parola

A val digh, andarò inanz a' i signur”,

Va' pur dond t'vua, cha n'ni m'in cur”,


T'm'pagarà quel mur,

Dal cert st' crepas, chal bsogna,

Sal s'tignarà rason dentr de Bulogna.”


Ma al par anch chal me sgogna

Mo t'nia anch dond al bon pan se cuos,

Chi sì ch'a trov' al mal sotta le gruos.”


Und' andav, mestr' Ambruos?”

A vo a vder sa trov' un casin,

Pr' un zentilhom ch'è nostr vsin,


Chal gli sipa un camin,

Do camar, la cusina con l'altana,

E quel chi va, e che l'aier fus sana”,


Cos' al? Qualch' curtsana

Da metri dentr?” “Eh no, l'è una persona”

Eh, a la fe', la srà qualch tusona”,


Mo a non so mi, a la fe' bona”,

Osù, saviv nient da pisunar?”

Mo a dsivi star un poc più a cercar.”


Mo che vliv mo far?

I n'havean attruvà una bona, lor

Mo al s'è mos la cuntrà tutt' a rumor.


Mo ch'fa cont d'hunor

Fa a questa fuoza, a psì turnar indria,

Ch'in sta cuntrà a n'cred chal gl'in sia”.


E così tutta via

Udiasi cicalare in ogni loco,

Ma quel ch'io v'ho narrato è stato un gioco.


Udite pur un poco,

Che 'l tutto è stato ne l'accomodare

Poi le bagaglie, come haveano andare.


Udivasi cridare:

Oh, puvrina mi, che bel camin,

Guarda pur qui, che stantij d'assassin!”


Und starà al cadin?

Al tri pia, l' pignat, e le scudel?

Oh mia marì, t'ha pur poch cervel!


Oh sì che quest' è bel:

L'n'han nianch' spazzà sta camarina,

Oh quant rusch', i viegna la ruvina!


Oh, guarda qui in cusina,

Quant straz' è lì sotta quel secchiar,

Es han lassà qui l'olla da sedar”.


Oh possanl crepar,

T'par a ti, ch'ogn' cosa staga ben?

Osù, pur a faren com' a puren”.


Oh là, oh là, ch' ven

Un poch' aidarm' a metter su un vasel?”

De gratia, dam' un poch quel martel,


Cha cunza st'purtel

De sta fenestra, chè sì ben trattà:

I han rot fin' al fil de l'impanà”.


Oh ve': i han deschiodà

Le chiavadur' e rot l' martlet,

Guardà pur lì ch'm'è stort quell'ucchiet”.


Und'è quelle ferlet,

Ch'attacca quel quadret' e quella spaliera,

E al bancalet a torn a la letiera.


Met dlà sta spediera,

Asstta qula cariega in quel canton,

C'ha havù i cavicchiua del credinzon”.


S'è po truvà al piston?

Haviv purtà la gatta e al cagnulin?

Ch'è mo sta quel c'ha rot st'zampin?”


Al die esser stà al facchin,

Chal die haver scavvezà” “Oh, che pultron,

Es manca anch una balla a un cavedon”.


Quel sped' e quel spunton,

Tulil de lì, mtil in qualch luogh,

Met là quela paletta appress al fuogh,


Quela spada da zuogh,

E quela manopla, metla là attaccà,

D'und'è al zucchet?” “L'è qui, tutt'ammaccà”.


Su, vgnì dschiavà

Sta cassa, met in là quel furadur,

Met qui su al granadel', e al calzadur”,


C'ha rot st' pissadur?”

La cassetta dal cantar starà qui,

A z'andaren' astand più ogn' dì”.


Siv vgnù a star qui?”

Madonna sì, cha i son vgnù a star”,

Oh puvretta, a ni purì durar,


Harì spes da cridar

Con quela serpa, e con l' so fiol,

Mo, ch'le n'sian de gratia mij parol,


Perché chun la v' tol

In urta, a vdrì, fiola mia,

Ch'la v'mtrà in dsgratia a ugnun qui dria”,


Mo ch'la fazza pur lia,

A son persona per lassarla dir,

Per quest' an m'vuoi miga smarrir


A pagar trenta lir

De s' camin, ch'è pruopria com' un gus,

E ch'n'ha s'n' una fnestra e mez un us,


Cha cred sal n'fus

Chan m'vuoi far smattar in sta cuntrà,

Cha buttarè ogn cosa in la strà.


Oh, vdì chmod' è schiappà

Qula fuga da camin, oh guardà là,

Qula muraia, che pend tutt' in zà,


A chmod si astarà

Qual credinzon? Oh, vet pur quel tassel,

Ch'al ie mancà do ass' in tal più bel.”


Tasì, tasì, fradel,

Cha vel farò cunzar, n've dad pinsier,

Cha prì attaccar su al vostr sparavier.”


Dond vgnì, filier?”

A vgnen da la chà vecchia, es turnen

A tor nso ch' altr tattar c'hai haven”.


V'arsettariv mo ben,

E si nu, es haven bon pisunent:

Marì e moier che n'disin mai nient”.


E nu haven' altrament

Ch'a sten in chà d'un vecchi maladet,

Ch'a pens che l'apa l'anma in le garet:


A sen tant d'stret,

Chan' c'psen devultar per il camin,

Es haven mes le cass' in l'andavin,


L'è in abandon al vin,

Le legn' e i sass tutt in libertà,

Perché ogni cosa è avert' e squadrnà.”


E dond siv' andà?”

A son' andà fin la in ti Magarot,

E vu?” “E nu in tal borg dal Ballot”.


Oh ve', viegna de cot,

A si andà a star si lunz, povretta mi,

Orsù, son vostra, Dia ve dia al bon dì”.


Oh, guardà un poch' qui,

Ch'mod prà ma star qui sti tlar,

Chi sì ch'al bsugnarà far i sgar


A chi vrà passar

Andar' a sta fnestra da st'là,

Ch'al n's'po guardar in t'la strà”,


D'gratia, n'cridà,

Cha iho urdnà chal viegna i muradur

Ch'a vuoi ch'i cunzin qui tutt' st'mur,


A vuoi cha sia sgur

In chà, es vuoi anchora far cunzar

Al bus sovra l'us da guardar,


Azzò ch'a psà tirar

La corda senza andar in l'andavin,

Batta ch'vuoia, grand' o pznin.”


Siv vgnù a star qui vsin,

Madonna Zanna, o pur in le Puiol?”

Madonna no, a sto in fond al Quartirol”.


Dond sta vostr fiol?”

Ch'in soia mi? Al sta là, vers' al Marcà,

Vostra surella Lia?” “In Predalà”,


Orsù, n'v'intardà,

A m'archmand' a vu la mia surella,

De gratia, archmandam' a l'Isabella,


Stala più in s'l'Avesella?”

Madonna no, la sta da San Colomban,

Orsù, a son vostra, attindì a star san.”


Und'andav con quel can,

Qual zuvnetta? Stav qui vsin?”

Sì, a sten fin' in la via di Curtlin”.


Stav mo ben de camin?”

Eh madonna sì, nu , cha sten ben,

Al tien un po de fum, mo al spazzaren,


Mo vdì, po a i haven

Al paradis, chal i è al più bel star,

Ch'a psen star al sol fuora a filar,


Che fin' a mez Zenar

Al da li sott' al portgh, e de dria

La stad al iè po fresch tutta via”.


Oh, fus cusì fatta la mia,

Cha sen fuors ott' o dies pisunient,

Guardà mo vu, sal iè di aviament,


Es m'è vgnù in ti dient

Una dsesa, chis m'scossin tut,

Chal iè un camin, ch'è nov, ch'nè anch sut,


E sa vd issi, al mia put,

Al si è tut infià al so uslin,

Mi n'so ma s'al vgnes da quel camin,


Cha tiegn al so cadin

E la schranlina da quel mur bagnà,

E s'è del cert sta quel humdtà.


Es ho zamò crida'

Con tutt' i pisunent digh po' fort,

Ch'i n'vrenin cha godessin brisa d'ort,


Mo al iè sta dà tort,

Da la Rason, es i han chmandà

Chi ce daghin dla bieda, e d l'insalà”,


Mo lì, dal vostr là,

Ni è vgnu a star una certa zuvnetta,

Cha so marì, che porta una zanchetta?”


An la cgnos' a la fetta,

A so ben cha i n'è una lì vsin,

C'ha fatt' un tos a un scolar piasentin”.


Al dienij a i bastadin?”

Mo an so mi, quel ch'in sia po' devegnu,

Osù, a son vostr', a m'archmand' a vu”.


Compar, siv' anch vgnu

A star del tut qui con la brigà?”

Oh, a sen zamo' dal tut accomodà.


E vu? Siv' anch marchià?”

Mo an' m'part st'an mi d'qui,

Ai diè dinar qui sovra l'altr dì”.


Mo chi po' far cusì

L'è bona cosa; nu, n'n'haven gna un,

E qui pioch van tutt' in le pisun”.


Oh là, sta qui nissun?

Harissi ma' truvà una schranlina,

C'haven pers qui 'm drit sta mattina?”


Ela grand' o piznina?”

L'è piznina, e s'al so busanin,

Ch'una tosa l'adovra al cantarin.”


L'è in cha' d'sti vsin,

Ch'a cred ch'un facchin l'apa messa.”

Ela questa, fiola?” “L'è ben dessa”,


Vgnì donca pr'essa,

Tulì”, “Gran marcè a vu” “E, al n'n'accad,

Guardà ch'un'altra botta an la perdad”.


Oh vet, che sta stad

Al darà qui al sol in st'camin,

Oh, sie benedet la via di Mussolin,


Ch'al iera un freschettin,

E stieva fuora, sa i vleva star,

Mo mie marì s'è pur lassà guidar”.


Mo vuot mo aquedar?

A staren fuorsa miei, ch' i' cri,

Sal so cha stema miei, a vdrì”


Vu huomm a vgnì

A chà la sira, al dì an vi firmà:

Mo nu chegnen star qui sempr' affugà!


E vu si sempr sta'

Un c'havù manch sen d'un fansin,

Es si' uslà da' grand', e da i piznin.


Guardà s' st'camin

Fieva per nu! A chmod a i vlen mo star,

Ch'an zipsen apena dvultar?”


N'm'far mo taruccar,

E n'm'romper la testa tutt'anchua,

T'dsiv vgnir ti a far i fat tua;


T'haris fat mior frua”.

A dsì ben ver, i fussia pur vgnu,

E s'a l'haves tolta mi, chu chu,


Ugnun v'tien un chiù,

Ugnun v'usella.” “Osù, finisla mo,

Chi si t'n'la finis, chat darò,


Es t'insegnarò

Sal s'ha da dir st' cos a so marì,

Sa son un chiù, t'm'die haver fat ti”.


Alla fetta ni ho mi,

Fussin pur tutt li altre sì da ben,

Cha starevin miei al mond, ch'an no sen”,


Mo de'l bot al me chen

Dir tal cusazza quand' a son curzà,

Cha m'in vuoi mal, ch'a son po aturnà”.


A m'havì po' uslà,

Cha m'havivi prumes mez' al granar,

Mo al n'se fa a sta fuozza a i mia par.


An mal vlì po dar,

A fadi pur la bella profession,

Fariv po cusì al temp de la pison,


Alla fè, a si un baron,

Mo pr' al prim' an' a mi havì acchiappà,

E pr' al segond an' tuoi da vu cumià”.


Guardà pur s'atruvà

Qualch cosa da pserv' accomodar,

Cha v'pagh meza la pison, sa vlì sgumbrar.”


Za ch'ai son, a i vuoi star,

A mtrò dop al let al vasellin,

Sal gli purà capir i calastrin;


E sal vien al facchin,

Dsij chal viegna in piazza, cha l'aspet,

E accomodà qui fas sott' al let.


Ai starò al to despet,

Zanziera, es farò chal gli vgnarà

Anch quel zovin, s'al m'parerà”.


Ch'è patron de sta chà?”

A cred mi che l'è culù patron,

Che paga a d'chi è la so pison”.


N'fadi qui al buffon,

Chal n'c'è torta, e tuliv d'qui

Oh zuvnet, ch'sal ven mia marì,


La n'andarà cusì”.

Mo achmod l'andarà, brutta stria?

La prè ben fuorsa vultars a strapia.”


E lassa dir culia,

Che l'ha un'invidia, che l'è per crepar,

Che la n'ha nigun che la vuoia guardar”,


Mo sa in vles a truvar,

A n'harè cent volt più de ti,

Mo a vuoi purtar hunor a mia marì.


No, no, finemla qui,

Ch'ni po' star, s'in vaga, fiola mia,

Vu stad dinanz, e mi sto qui de dria.”


E così tutta via,

Udiansi così fatti parlamenti,

Che facevano i nuovi pigionenti.


Ma di tutte le genti

Non posso conto rendervi a minuto,

Che tanto il mio cervel non ha potuto.


Basta quel c'ho veduto,

E udito ragionar da più persone,

Senz'arte alcuna, e senza fintione,


Da me quivi si pone,

Sol per mostrarvi a tutti con il core,

Ch'io voglio esser sempre servitore.


IL FINE