DIALOGHI

CURIOSI

Di Giulio Cesare Croce


CIOE’


La moglie altiera ed il marito humile

Fra huomo e donna

Tripparo e Simona

Il Senator ed il Mustazzo contraffatto

Tra Pantolone ed il Zani

E fra Pantalone, Isabella e Franceschina

SOPRA LA MOGLIE ALTIERA

ED il MARITO humile


Malamente si consiglia

Chi la moglie altiera piglia;

Perché a lei sempre soggetto

Convien star al suo dispetto.


Specchio sia questo meschino,

Il qual quivi a capo chino

Sopra il scanno sta filando

E la moglie porta il brando.


E la causa sol procede

Che gl’ha dato troppo piede,

Onde lei, che l’ha annasato,

Posto gli ha la rocca a lato.


Ei gli dice “Moglie mia,

Gran vergogna par che sia

Ch’io a filar stia su la strada

E tu al fianco habbi la spada.


E però, torna a filare,

E a me l’armi lassa oprare,

Che alla rocca non son uso,

Né so far la cocca al fuso.


Né far tanto la guerriera,

La superba, né l’altiera,

Che nascesti per filare,

Non per l’armi maneggiare”.


Lei risponde arditamente:

“Fila, tu, homo da niente,

Ch’io portar vo’ questo brando,

Che son brava più d’Orlando.


Mira qua questa berretta,

Come in capo mi s’affetta,

E se con il pennacchino

Rassomiglio un paladino.


Se fussi huomo di valore,

E c’havessi animo e core,

Io la spada a te darei,

E la rocca pigliarei.


Ma conobbi al primo motto,

Ch’eri un goffo ed un merlotto,

Un allocco e un babbuino,

Che non vali un bagattino.


Che, se accorto fussi stato,

E tal’hor m’havessi dato

Qualche bussa su la prima,

Fatto havrei di te più stima.


Che bisogna che ‘l marito

Sia sveliato ed assentito

Né si lasci su la testa

Alla moglie por la cesta.


Però, fila meschinello,

E fa’ il fil polito e bello,

Che, se brutto il filarai,

Senza cena a letto andrai”.


Tal che il misero è forzato

A tener la rocca a lato,

E la moglie tutta armata

Porta il stocco e la celata.


Però, quei che prendon moglie,

Per fuggir sì gravi doglie,

Cerchin, pria che dian l’anello,

Ventilare il lor cervello.


Ch’una moglie, che sia altera,

Lo vorrà mattina e sera

Strapazzar come famiglio,

Né havrà mai un lieto ciglio.


Ma la saggia e la prudente,

Sempre humile e riverente

Ti sarà, se tu la pigli

E compagna a’ tuoi consigli.


Ma per una over per doi

Di tal fatta, mille poi

All’incontro ne saranno,

Che contento ti daranno.


E per fin concluder voglio

C’humiltade e non orgoglio

Vuole haver la moglie vera,

E di mente esser sincera.


Che, se tale è col marito,

Sempre amor sia seco unito,

Ma se sian di vario humore,

Sempre havran tormento al core.

DIALOGO PIACEVOLISSIMO


HUOMO

Signora, son venuto

A salutarvi con il mio liuto,

E con il mio soave e dolce suono

Farvi saper, che tutto vostro sono.


DONNA

Il ben venuto siate,

Giovanetto gentil per mille fiate

Che con sì grata e nobil armonia

Mi farete passar la fantasia


HUOMO

Da poi che vi talenta

Il mio sonare, ora state attenta,

Ch’in vostra lode voglio anco cantare,

Una napolitana, se vi pare.


DONNA

Tanto mi sia più grata

L’armonia vostra, e vi sarò obbligata.

Date quando vi par principio in tanto

Ch’io son pronta ascoltar il dolce canto.


NAPOLITANA


S’io veggio in la campagna un fiore

Che sia come l’avorio bianco e schietto,

Mi torna in mente il tuo candido petto.


Se rose di purpureo colore,

Dico: ecco quelle guancie, ecco il bel viso

Di quella che fa invidia al bel Narciso.


Se in verde bosco cantar Filomena

Odo tal’hora a la stagion novella,

Dico: ecco la mia donna che favella.


In somma, tutto quel ch’io miro in terra

Di vago, di leggiadro, e di galante,

Veggio ritratto nel tuo bel sembiante.


HUOMO

Che dite, mia signora,

Non v’ho io soddisfatto fin’ ad hora

A dir le vostre lodi in questo loco,

Ma al merto vostro questo è stato poco.


DONNA

Son più che soddisfatta,

Ma m’incresce non esser così fatta

Come ne i versi vostri mi mostrate,

perché conosco ben che m’adulate.


HUOMO

Signora torto havete,

A dirmi questo, che più bella sete

Mille volte di quel ch’io non ho detto,

Che vi son fedel servo, e vi vo’ schietto.


DONNA

Horsù, qual io mi sia,

Son’al comando vostro, vita mia,

E s’io vi posso punto comandare,

Tornatemi tal’hor a consolare.


HUOMO

Questo mi sia favore,

E ne ringrazio sommamente Amore,

Che m’ha fatto tal gratia, e tanto dono,

Che del liuto mio vi piaccia il suono.


Horsù, mi raccomando,

Vita mia cara, e me ne vo’ cantando,

Poiché so che m’amate di buon cuore,

E tornerò sta sera a le quattr’hore.


Contrasto tra il vende trippe e la z. Simona


Tripar:

Trip, trip per i gatti

Chi vol trip per i gatti

Fuora donne, chi vuol trip

Per i gatti, trip, trip.


Simona:

Da le trip, passa qui.


Tripar:

Chi m’chiama?


Simona:

Son sta mi,

Damn un poc, du quattrin

Da portar a i mia mnin.


Tripar:

Da pur qui al sefiner,

E tul su st’pezzet.


Simona:

Mo l’è poc, al mia fiol,

Dam ancor st’pezzol.


Tripar:

Mo Madonna n’tirà,

Perché quel è ben assa’


Simona:

A vuoi anch’ quest, mì.


Tripar:

Ossù, via, tuliv d’qui.

Chi m’tira qui d’dria

L’am n’ha tolt un bon pzaz

Lassa qui, s’no t’amaz.


Simona:

Lassa star li quella gatta,

Ch’l’è mia.


Tripar:

Do vecchia matta,

S’la m’ha tolt la robba mia

N’vliv cha i corra dria .


Simona:

Ch’vol dir “matta”, calavron,

Sa do’ d’gaf mi a un baston,

A t’insegn d’parlar

N’m’la far un po’ fumar.


Tripar:

Cosa vliv, zea sguarnazza,

Mo ch’la torna qula gattazza,

Ch’a la fe’ a la tuparò:

A son un bric sa n’al fo.


Simona:

Vuot zugar t’la guardarà,

E po anch ti cavarà

Al capel.


Tripar:

Ch’la torna più,

Cha vdrì sa starò pr vu.


Sabadina:

E n’sta mo più a cridar

Zea Simona, e ti, tripar,

Damn un poc qui un fsin

E finsla un puchtin.


Tripar:

Tulì quest’in vliv più.


Sabadina:

A n’ho asà.


Tripar:

Spidiv osù,

Prché al iè li qual bison

Gh’traà l’occh a st’schiancon

A in’è un altr ch’m’tira:

A son vostr bona sira,

I m’lecan’ via in t’un tran.

Osù, donn, tulì ben sù

Ch’a n’ho temp d’star qui più,

Tulì quest a tut i pat,

Cha vuoi trar al rest a i gat.

Tira mo quant v’par,

Ch’ve posslin affugar,

O’ che besti traditor

Fanl’mo li dal rmor

L’m’han tut sgrafgna’

Una gamba da st’la.

Mo l’è sta’ qual gat bis,

Ch’m’ha fat qui st’sfris.

Osù, donne, a vag via

Prgà un poc in curtsia

Qula vechina, sal v’pias,

Ch’vuoia far con mi la pas.

IMPROVVISATA SOPRA

Un mostazzo contraffatto ed un sonatore.


Sonatore:

Vi saluto, sorella mia

E vi prego, in cortesia,

Ascoltar la melodia

Del mio dolce chitarrin,

Che vo’ dir quattro versetti

Sopra il vostro bel musin.


Risposta:

Dì pur su quel che ti pare,

Ma ti voglio racordare

Ch’ancor io so improvvisare

E componer da vicin,

E che ti darò risposta,

Per vulgar e per latin.


Sonatore:

Ma tener non posso il riso,

Mentre canto a l’improvviso,

Che veder mi pare il viso

Di Marforio o di Pasquino.

Perdonatemi di gratia,

Ch’io vi prego il mio corino.


Risposta:

Ben sapevo, che burlare

Mi volevi, col cantare

Perché ogn’hor stai sul tassare

Questa e quella, ma nel fin

Sopra te verrà la burla,

Sonator da doi quattrin.


Sonatore:

Chi ha veduto il mascaron,

Che si mette al finestron,

A Ferrara, quand’ ognun

Poi può far da pedrulin,

Dirà: questo è il suo ritratto,

Nè vi manc aun bagattin.


Risposta:

Deh, tignante, guata, guata,

La tua barba sgramigliata,

E vedrai quanta brigata

V’hai pur dentro, poverin

Che ti mangiano d’ogn’hora

E ti scannano, meschin.


Sonatore:

Ah, ah, ah, che bel sollazzo,

Ho a vederti sì bel mostazzo,

Qual di carta, ovver di strazzo,

Fu stampato in un molin,

E imbottito poi di stoppa,

Fu in dogana da un facchin.


Risposta:

Se ben ho da questo lato

Il mostaccio un po’ gonfiato,

Non però fu mai formato

Per tuo amor il mio soin,

E per te sarà assai meglio

A seguir il tuo cammin.


Sonatore:

Quella gola delicata,

Da le scroffe circondata,

Oh che vista bella e grata,

Fà a mirarla da vicin,

E quella mascella gonfia

Che par Ostro, ovver Gabrin


Risposta:

Il gonfion di questa guancia,

Fu un signor che stava in Francia,

Qual mi pose qui la mancia

Pria ch’ei gisse a i suoi confin,

E la tengo per memoria

Come dentro un scatolin.


Sonatore:

Voi in somma siete bella

Più che un fondo di padella

Ma mi manca la favella

E si scorda il chitarrin

E però lassar vi voglio

Che del canto sono al fin.


Risposta:

Horsù, và a la mal’hora

Guidonaccio, e va, lavora

Che qualc’un non salti fuora

A scollarti il tabarin,

Oh che bello improvvisare,

Torna a scola, poverin.

Contrasto tra PANTALONE ed il ZANI, per amore di FRANCESCHINA


Pantalone:

Voio saver da ti, per ogni muodo

Come la se, che t’ho visto in cusina

Anche disev, t’ogio scoverto in frodo

Ti, e quella lara della Franceschina.


Zani:

Mesir, metti ol pugnal denter del fodro

No menè, che sarì la me rovina.

Fermev, che vel dirò ixi pian, pian,

Ma la giustitia ve tegna le man.


Pantalone:

Una forca per ti bisognarìa

Furfante mariol pezzo de can,

Disù scoverzi sta furfanteria

Parla di presto a chi d’ghio mi an.


Zani:

Mi a su innocent, mo le ben stat costia,

Che m’ha chiapat chi lo per ol gaban,

Digad: ”Ve illò Zani amor bel,

Cha to fat de lasagni un bon piatel”.

Mi non havend negot a su andat

Con le in cantina, e vist i macharu

Coverti d’butier e in formagiat,

E le daspò havia in man un pirù,

A forat nella bot del Marzemì

Digand: “Bev mo de quest, ol me Zani”.

De quel men n’o bevut una tirada,

E daspo quest a me volif partir,

Mo le dandome ados una guardada

La dis: “No voi che ti te part de qui,

Daspò col non ghe illò persona nada

Parlem un po’ sul sald, sat chi vesì,

Em dis quande vorat esser ol me spos?”

“Quand te vo’ tì”, m’a l’hora ghe respos.

Vu in quella fiada si vegnut a casa,

Mo mi non ghe no colpa de sto fat,

L’è stat cole’ che sott’a questa rasa

Posso dir ch’ella m’habbi sassinat,

Doncha brave’ con le’, se che la tasa,

Che se mi più ghe parli de bel pat,

Oltro perder ol salari, per più pena,

Fem stà na settimana senza cena.


Pantalone:

A larò, mariol, furbo, giotòn,

L’astù mo ben composta sta busìa!

Mo’ no toia mi visto in quel canton,

E co’ m’avè sentù se scampai via?

Orsuso, per fornirle in conclusiòn,

Voi’ ch’andè fuora de casa mia,

E tutti du pararvi in la mal’hora.

Va’ via, giotòni, in su le forche, fuora!


Zani:

Deh, car messir, perdonem per sta fiada,

Donca el vost Zani, el vost servidur,

Volì scazà, dond voliv po’ cal vagha?

Perdonem, ch’av confes c’ho fat errur,

E se be’ ho fat sta volta sta schapada,

Me gha tirat l’archèt col bel Amur,

Che l’Ariost dis, ch’ogni colpa s’admet,

Quand in Amur la causa se remet.


Pantalone:

Sel non fosse, che za fin da puttello

Ti se stà arlevao in casa mia,

Vorave a fe’ che ti andassi al bordello,

E tutti dò cazzarve adesso via.

Ma po’ che questo se stao un duello

D’Amor, voio anca mi per simpatia

Compatir vosc, e finir cun l’autor

Che disse ch’ogni cosa vince Amor.


DIALOGO FRA PANTALONE, ISABELLA E FRANCESCHINA


Pantalone:

Ohimè, povero mi, che fumo è questo?

Ohimè, c’ho el fuogo in casa, e su la porta!

Franceschina! Isabella! Su, su, presto!

Acqua, acqua, soccorso! Ch’el se smorza.

A che dighio mi femene, in che festo,

Stev là, dove s’è Zani, ch’el porta

Acqua, remedio, presto, per stuvar

Sto fuogo, e non lassarme ruvinar!


Isabella:

Oh signor pare, poverette noi,

Che mentre fuori questa sera andasti,

E Zani solo in compagnia con noi

Per cura della casa ci lasciasti,

“Donne”, ci disse al hor, “Meglio è che noi

Facciamo tanti maccheron, che basti

Per satollarci e stare allegramente,

Fin che il patron da noi si trova absente”.

Noi, come donne semplici, fussemo

D’accordo, come vuol per haver spasso,

E Franceschina e mi tosto apprestiamo

Farina buratata, e smalzo e grasso,

E mentre che faccian pasta e che grattiamo

Formaggio, ci fa di legne un gran matasso,

E li da fuoco, sì che in un momente

Attaccata è la fiamma e fuori e dentro.


Franceschina:

La xe così, patron, in veritae,

Credemel, di’ vera Franceschina,

Che quand’ho visto tanta scuritae

E il fuogo aceso con tanta ruina,

Qua su la porta, ze semo salvae,

Perché me fu insegnada una vesina

Che le donzelle il fuogo fa stuar,

Ze semo messe tutte due a orinar.


Pantalone:

Ah, ah, l’è forza pur che rida ancora,

A sentir dir ste fiabbe, hoimei, che botte

Altro ghe vol, che urina! Orsù, in bon’hora,

Levè su, digo, e mandè zo le cotte,

A Zane traditor, ti è scampao fori,

Mo’ te zonzerò certo, horsù sta botte,

Ogni mal me sta ben, perché colori

S’è matti che se fida in servidori.

E mì, bestia che son, che doverìa

Starmen la sera in casa, e non voler

Andar tutta la notte per la via

Alla corta vestìo da forestier,

Al me sta molto ben la mia paccìa.

Merto questo, ch’el proverbio è ver,

Che ch’in amor s’invecchia oltr’ogni pena

Si convengono i zeppi e la catena.


IL FINE