DIALOGO DI

CECCARELLO E

MATARELLO AL-

LA VILLANESCA,


Con doe canzon alla Na-

politana


Qual comincia, Ahimè che non pen-

sava di partirme, & l'altra che

fa la risposta la donna a

l'amante

Comparischa Cecharello

E ben venga Matarello,

Cinque e cinque dieci, sevi san”,

A sem grassi e stem ban”,


Deh, ch'è della Menga e della Lucia?”

Hai n'è ben, gratia de dia”,

E de tutti quei ragazi?”

Ien grassi come porcazi.”


Donde vien ti sì carghà

Di pianelle e di corà?”

A vengho da Bologna,

Cha iho dà marì a la Togna.”


Dit el ver, a io a piaser,

A la vrò ben ognora veder,

Dit al ver, a che l'at da?

Hat fat bon parantà?”


A l'ho dà a un zovnaz

Che n'ha pel in tal mostaz

E sa far i fat sua

Es mena ben i bua,


L'ha una vigna d'lviadga

E s'ha un loghetto alla levradgha

Es ha tant bestiam

Chel fa un mondo di ledam,


Basta, l'è ben abatu,

Es ha fat ben anca lu,

Che 'l sa be' 'l fat so

S'l'è gaiarda o sì o no,


Primamente a far bugà,

La s'en sta sempre sbrazà,

Senza altra compagnia,

La se la lava da per lia,


S'la mena po le man

Masmamente a far del pan,

E s'el n'è nessun in ca'

La te mena e se te 'l fa.


L'è la prima per menar

Ben le calcol del telar,

Ti vorìa haver ben occhio

S' tu vedessi le ginocchio,


La s'arghigna e storce tutta

Masmamente quando la butta,

La spola tra le file,

Ohimè dia l'è pur gentile,


S'la fa po del savor

Nol ghe mai brisa rumor,

E per farlo bel e bon

L'ha ormai frust il piston.


S' la fa poi delle taiadel,

La de gaf al mattarel,

E lì prest di bona voia

La ta largha ben la spoia.


Se la lava le scodella,

Lai dà tant drè all'orella

Con un strazo, ch'io ti giuro

Che le luse fin al buro.


Se la fila del garzol

L'empie il fus in due parol,

E per farlo più polid

La se spuda in su le did.


Se la fa poi della mostarda,

Ohimè die, l'è pur gaiarda:

La mena tant la masnella

Che la straca sua sorella.


S'la fa de l'herba drè a i fosa,

L'ha n'ha sempr una branca1,

S' l'è po tempo da meder al gran,

La vol sempre il segol in man,


Se 'l s'butta po il forment,

Che 'l se buta contr' il vent,

S'le abuttat con un compagn

El n' gh'ariva alle calcagn.


L'è po tanto bergantona

De la balla, sel si sona,

E s'la sa po ben balar

Al stufel del cavalar.


S'la va po su la via,

Non pensar ch'la s'stria,

La se sgura le maselle

Con el remol del fridelle.


Quand'è l'è poi da Nadal,

Che 'l s'amazza i tempral,

La se stà sempre sbrazzà,

A far i cervelà.


E l'è forza ch'a tel diga,

La vol sempre la vesiga,

E per poterla doperar

La s ela fa poi gonfiar.


Si ch'a te giuro, Ceccarel,

Che l'è tanto da covel,

Che l'è stà da far assà

A salvarli l'honestà.


E corriva sti garzun

Da per tutto sto comun,

L'aiva cento inamorà

Senza quel che l'ha sposà,


E l'ha fatta domandar

Senza dota né dinar,

Pensa mo sel n'havè voia,

Che 'l non n'ha volu se n' una troia.


Intend mo quel ch'at digh,

At in v<o> darti distrigh:

Vai met in ordin el brozze

E mena 'l to spuse a nozze,


E mena po quei ragazzon,

Ma chi lass' a ca' i sponton,

Ch'an vorrei ch' in t'el più bel

E sei fis po del bordel.


El non manca po in ca'

Zon e carte che l' se sa

Ch'a faren qui le festum

A primiera e lamberchiun.


O su su, a dè a dè,

A t'aspet, vent'n via

Non mancar de vegnir,

Tu m'faris ben instizir”.

Con diavol sa vegnarò,

A te digh ca n'mancarò.”


IL FINE

L'amante all'amanta sua


Ahimè che non pensava di partirme,

Crudel fortuna,

Perché contraria

A me sei stata sempre, oh meschino me.


Come t'haggio lassato, oh vita mia,

Quegli occhi belli

Erano quelli

Ch eme dean la vita, oh meschino me.


Se la speranza non me mantenesse

De tornar presto,

Con le mie mani

Me darìa la morte, oh meschino me.


Pregoti, oh vita de la vita mia,

Fin ch'io ritorno

Non ti scordare

Di chi t'ha dat' il core, oh meschino me.


Io te sarò fidele in ogni luogo

Che da ch'io nacque

Fui destinato

Sempre mai d'amarti, oh meschino me.


Hor resta in pace, e voglia ricordarti

Di quel meschino,

Che in le tue mani

Sta la vita sua, oh meschino me.


Risposta della donna all'amante suo


Chi me l'havesse detto, oh vita mia,

Che senza tene

Dolce mio bene

Viver io dovessi, oh meschina me.


Ahimè dov'è la pompa in ch'io viveva,

Dove gli canti,

Gli piacer tanti,

Che mi davan la vita, oh meschina me.


Ahi, crudel sorte, ahi stato mio crudele,

Se 'l dir me lice,

Sola fenice

Al mondo viva, oh meschina me.


Hor che priva son d'ogni mio bene

Non far ch'io viva

Al mondo priva

De' tuoi vaghi lumi, oh meschina me.


Che in fino che non torni sempre mai,

In pianto e in doglia

Contra mia voglia

Me convien stare, oh meschina me.


Deh, torna, torna dunque almo mio sole,

Non far ch'io viva

Al mondo priva

De' tuoi vaghi lumi, oh meschina me.






1La rima non corrisponde.