DISGRATIE

DEL ZANE

NARRATE IN UN SONETTO

di diecisette linguaggi


Come, giongendo ad un’hosteria, alcuni ban-

diti volsero ammazzare, poi fattoli dar

da cena, fà un contrasto con l’hoste.


Cosa molto bella e ridicolosa

Ol sol s’era cazzat in mar zo in fond,

E in so scambi le stelle co la luna

Compagnava la not, zelada e bruna,

E s’oscurava in ogni part ol mond.


Ogni hom, ogni animal se luga e scond

Né se sentiva più cosa neguna,

Quat che mi Zan, sbattut dalla fortuna

Cercand andavi ol me viset giocond,


Che con tanta fadiga e tanto stent

Per boschi e per campagn l’iva menada,

Credend al fì de riposà content.


Ma la mia fantasia restè ingannada,

Perquè fu bastonat da certa zent

E tut a un temp la putta em fu levada.


Dov che alla desperada

Cercavi boschi, vai, grotti e campagn,

Castei, ville, e caso, tet e montagn,


No stimand do castagn

Sol, ploza, nif, tempesta, vento e trù,

Ronchi, spadi, archibus, pichi e bolzù,


Ma per ogni cantù

A volevi cercà menudament

A perigol, fadiga, strazi e stent.


E exì stracch e dolent,

Quant ol plasì al dottur noster Padella,

A trovi un casament su na stradella,


Là, per savì novella

Della Tognina, quat de vos podif,

A me cazzi a cridà: “Oh dal cortif,


Se d’amor non si prif,

Ve preghi al dì o là”, pur in mal’hora

Un vechiaz, in camisa, ven de fora,


“Digat, isi a strafora,

Cancaro che te sbrega, che t’impare

Sier bestia, a venir chivelò a sbragiare


Ste me fe’ intosegare

A santi di evagnei, matto spazzò,

A te parerò i grigi fuor del cò,


To’ qua, lion, to’, to’.”

E mi ghe diss: “In cortesia,

Una parola, e po’ men vaghi via,


Credevi un’hostaria

Questa, e perzò se mi v’ho desaviat,

Perdonem, che confess d’havì fallat.


Insignem, se v’è grat,

Dov che possi trovà un lozamet,

Car padrazi, e no sie mal contet,


Che no but visamet

Da fav ol desplasì”, e lu, bravand,

La porta del cortif serrè ruzand,


In colera digand:

“Fachin poltròn, ste no te to’ de chì,

Forse, che ti no parlarè mai pì.”


Dov che ‘l pover Zani

Al scur, stracch, affamad, ple’ de pagura,

Se miss a caminà, icsì a la ventura,


Tat che s’una planura

Ziravoltè fos be do meier gross,

Che no savivi donda che foss,


Al se senti una vos

A la lontana, es vedi un po’ de lus,

Che ‘l me parì vegniva fo’ d’un bus


E là da valorus

Me miss a quella banda a caminà,

Per veder sa podevi almè allozà;


E quat arrivè là,

A i desch e all’insegn de fura via

A m’accorzi che l’era un’hostaria,


Perché se ghe sentia

Che de gran zent ilò era allozat,

Ma me pentì po’ d’essergh arrivat,


Perque subit che bat

Ol sa fe’ al balcò un mantovà

Con una vos robusta, es dis: “Chi è là?”


No se pul lozà,

Puttanazza de dis, ste fè pu bada,

Becaz cornù, te do n’archibusada.”


In quest una brigada

Cors in furia ala porta prestament,

E l’host, ch’era todesch, me tira drent,


E dis, tut mal content:

“O tiaule, poltrinaz une fachine,

E per die ti no arriver tamattine,


Che te romper le schine

Porché, cheste star zente pandie,

E ti sta chalche furpe, o chalche spie,


Malan, che te tie,

Fiene pur cha fuse poltronaz.”

E un ferrares me guarda in tol mostaz,


E dis: “Chi è sto beccaz,

Lassai pur far a mi, fachin forfent,

Che al mond ti no foss mai più mal content,


Menailo un po’ de drent.”

E un greg me diss: “More, in sul chiafali

Ve darev tanti tugni fier cotali”;


“Portame i mie stivali”

Respos un venetià, “Che a sto bubacco

Che ne dago sul muso, e si ghel fracco.”


Dis un spaniol: “Veliacco,

Zuro a Dios, che io te chiero hazer

Lo che mertai, el que es de menester


A fe’ da cavaglier,

Agora a vos, de tomar la cavezza.”

E mi, tremant, disivi con prestezza:


“Segnur, per zentilezza,

Asculteme de gratia in cortesia,

Chilò non so’ vegnut per fa’ la spia,


Ma havend fallat la via

A cas so’ qui arrivad per me destì,

No credend a nigù fa' desplasì.”


“A lè, villen cucchì,”

Me respos un frances, “Regardè a moi,

Ve pandre per la gorgia per ma foi!”


Dis un olter: “Mi voi

Scortegà sto gogo, fiul de puttan,

E se nol fagh, no so’ Ambrus da Milan.”



Ma ‘l ve’ un napolitan

E sil dis: “Sbregognato caparone,

Cane, figlio di cane, arcibriccone,


Porta chi lo spontone,

Che a chisso nato d’una vaiasazza

Cornuto, voglio che mo’ mo’ t’ammazza.”


“Oh, maladetta razza”

Respos un spezzafer, nassù in Romagna,

“Digat, mei t’era star alla campagna,


O che ‘l chencher te magna,

Spion, saguradaz, che t’hat pensad,

De rovinarve, ma ti è mal arrivad.”


E mi zo, inzenocchiad,

Tremand, alzava i man conzont in sus,

Pregavi quest e quell torzend ol mus:


“Digat, habbiem per scus,

Segnur, perque mi so stat assassinat,
E perzò so vegnù per es lozat.”


Ma un florentì instizzat

Me dis: “Ribaldo, furbo, i’ ti prometto

Che hora ti caccio una stoccata in petto.”


“Mi vugio dighel schietto,”

Respos un zenuis, “Ste no pensà

De restà vivo, se ti vù allozà,


Te farà meglio anà”.

Mi respos: “Perdonem, se havess savut,

Zà mai, segnur, a no gh’ sarev vegnut.


Ma per fà ol me devut,

Am partirò de qui, con vostra pas,

O che farò quel che ve pare e pias.”


“Te voi taiar ol nas”,

Me dis un olter cera de bravaz,

“E dart un pistules in sal mustaz,


Dsgratiadon, furbaz,

S’n’no, a t’grat un po’ a mie mod la rogna,

E n’dir cha sia al Timpesta da Bulogna.”


“Ah, segnur, ol bisogna”,

Mi respos, “Ch’ascoltè la mia rasò,

E po’, s’ho tort, taiem anch in boccò.”


Allhor dis un schiavò:

“Lassa signori chisto poveritto,

Che se homo da ben io te promitto


Sentistu zo che ditto,

Che malandrini lo ha assassinao?

A fe’ me piase, che sia qui arrivao,


Sagnori, perdonao”.

In quest un olter, ser Prosper da Rez

Dis: “Anca mi m’voi cazzar in mez,


Perché za mi n’crez

Che ‘l sia vegnù qui questo poveraz

Per fer mel a nissun, nianch per solaz,


Ma havend fallad el viaz,

Per sort l’è qui arrived, senza pinser,

Che sti fachin ien huom da ben in ver;


Ma fadem un piaser,

Fasamegh dà da cena per segnal,

Perché ‘l saren vergogna a fergh mal.”


Allhora senza internal

Tug diss: “Sem content”, a piena vos,

“Lassand stà de bravà, né fà ol rabbios.”


A tavola i me pos,

Es ordenet ilò de fat all’host,

Che ‘l me des pà, e vì, e less e rost,


E mangiand a so cost,

A me conzè icsì be’ i budel destis,

Chem tos una panzada per un mis.


Contrasto de l’hoste e del Zani


L’hoste comincia

Zane, mi voler cuntare ninare busare

Per chante ti magnare

Perché nissun pagar nenar si pen te fare dar.


Zani

Messer host, l’è descortesia ninia busia

Se questa compagnia

M’ha fat dà da mangià nenà, che vu me fè pagà.


Host

Se mi chiaper un baston lovazzon poltronzù

Mi te dar sul testù

Che ti tante magnar nenar soler nite pagar.


Zani

Mi no voi fà costiù sta fiada ninada busada,

Perqué ho la panza infiada

Ma se quat che volì ninì che mi no ghò quattrì


Host

Sti no pagare preste preste nineste buseste

Mi te rompere le teste

E po te taiar braz nenaz rasticoz poltronaz.


Zani

No mettè man messir, sbrufaldo nenaldo stefaldo

No so zà gna un ribaldo

Fe cut chem sforzerò nenò, tat che ve pagherò


Host

Ti havere disdotte pane ninane busane,

Diese piatte de lasagne

E tante roste, e vin nenin che monter un zecchin


Zani

Mi ve l’ho dit alla schietta ninetta busetta,

Che no ghò una gazetta

Tolì ol me tabarri ninì, fin che ve dò i quattrìn


Host

Si pen cheste tante non vale ninale busale,

Mi’l tegnir per segnale

Ti tamatina andar nenar pon’hora gadagnar.


IL FINE