DISPERATIONE DI

CARNEVALE

FALLITO,

nella sua dipartita di questa città.

BARCELLETTA PIACEVOLE

Nella quale s’intende il lamento grande

che fa per le poche faccende fatte in

queste bande.

Tristo me ch'io son fallito,

Rifallito e strafallito,

Anzi giunto a passo tale,

Che per me sarìa men male

Esser morto e seppellito,

Tristo me ch'io son fallito!


Ben potevo, ahimè tapino,

Star colà nel mio confino,

Né venire in qua quest'anno

A patir cotanto danno,

E restar così schernito,

Tristo me ch 'io son fallito!


Non son più quel Carnevale

Tanto allegro e gioviale,

Così grasso e così tondo,

Che solea sguazzare il mondo,

Trionfando in ogni sito,

Tristo me ch 'io son fallito!


Già solevo fra la gente

Comparir solennemente,

Corpulente, grosso e grasso,

Hor son magro, fiacco e passo,

Scarno, secco e indebolito,

Tristo me ch'io son fallito!


Quando far solea l'entrata,

Correa tosto ad una fiata

Tutto ‘l popolo a incontrarmi,

A servirmi ed honorarmi,

Tanto a tutti ero gradito,

Tristo me ch 'io son fallito!


Hora poi (oh che sconforto)

Che ciascun mi guarda storto,

Né più alcun mi fa carezze,

Né vi trovo più allegrezze,

Ma ogni spasso è via spartito,

Tristo me ch'io son fallito!


Quelle nobil mascharate,

Con gran spese concertate,

Tante belle inventioni,

Tanti canti e tanti suoni

Sono andati in altro lito,

Tristo me ch'io son fallito!


Dove son le feste altiere,

E le giostre e le barriere?

Dove i carri trionfali?

E i concerti musicali?

Ahi che ‘l mondo s'è avvilito,

Tristo me ch'io son fallito!


Più non s'odon le dispute,

Né le botte tanto argute,

Che già certi belli humori

Solean dire, uscendo fuori,

Con piacere inaudito,

Tristo me ch'io son fallito!


Più non vedo i Pedrolini,

I Massari e i Burattini,

Cortigiani e Pantaloni,

Con sottili inventioni,

Far tra loro alcun quesito,

Tristo me ch'io son fallito!


Quelle vaghe contadine,

Con lor belle canestrine

Di radici ed insalate

Ed altr'herbe al gusto grate,

Ch'al comprar facean invito,

Tristo me ch'io son fallito!

Più non vedo in 'sti confini

Quei gagliardi Mattazzini,

Né quei destri Siciliani

Far mostazzi e ceffi strani,

Ch'ogn'un par perso e smarrito

Tristo me ch'io son fallito!


Dove son quei bei festoni,

Che si fean per quei saloni,

Che duravan fino al giorno,

Onde a sì nobil soggiorno

Correa popol infinito?

Tristo me ch'io son fallito!


Quei gran pasti e quei banchetti,

Quei sollazzi e quei diletti,

Tutti (ohimè) son giti in fumo,

E per questo mi consumo,

E mi trovo a mal partito,

Tristo me ch'io son fallito!


Quante grasse colazioni

Di galline e di capponi

Si facean per ogni via,

Ch'ogni casa era hostaria,

E ciascun facea convito,

Tristo me ch'io son fallito!


Tutte quante le cucine

Eran piene di galline,

Ed i cuochi e le massare

Tutti havean da travagliare

Per far cibo ben condito,

Tristo me ch'io son fallito!


Chi pelava un gallinaccio,

Chi un pavon, chi un’anatraccia,

Chi facea de' buon pastelli,

Ch'inspedava fegatelli

Che svegliavan l'appetito,

Tristo me ch'io son fallito!


Ch'inlardava un'ocarella,

Chi friggea nella padella

Cervellato over brasuola,

Ciaschedun s'ungea la gola,

Con suave e buon prorito,

Tristo me ch'io son fallito!


Là vedea cuocer cervelle,

Qui polpette o tomacelle,

Colà intingoli e guazzetti,

Qui ballotte e tortelletti

Ch'a pappar faceano invito,

Tristo me ch'io son fallito!


Chi un pavon portava al forno,

Col distrutto adosso e intorno,

Chi facea torte o frittate,

Chi pastizzi, chi sfogliate,

Che facean leccare il dito,

Tristo me ch'io son fallito!


Un odor sì caro e grato

Si sentiva in ogni lato

Di polpette, tort' e arrosto,

Da tornar in vita tosto

Un che fosse tramortito,

Tristo me ch'io son fallito!


Non v'era huom tanto meschino,

Che non fesse il suo festino,

Invitando i suoi parenti,

E gli amici e i conoscenti

A ballar ed a convito,

Tristo me ch'io son fallito!


Hor (ahi lasso) non si spande

Tal' odor più in queste bande,

Né più i ricchi fan banchetti,

E spediti i poveretti

Son via più ch'io non addito,

Tristo me ch'io son fallito!


Ond'il tutto (ahi sventurato)

Al contrario s'è cangiato;

Né più veggio in alcun loco

Allegrezza, o nulla o poco,

Ch'ogni gaudio è via fuggito,

Tristo me ch'io son fallito!


Veggio andar le mascharette

Ne i lor panni involte e strette,

Ed invece di ballare,

Van cercando da brugiare,

Perché '1 verno è incrudelito,

Tristo me ch'io son fallito!


Tanta neve e tanto gielo

Hoggi cadon giù dal cielo,

Che zampir non si può intorno,

E ciò fa che con gran scorno

Il mio honor resta supito,

Tristo me ch'io son fallito!


Che, tal fatto essend'occorso

Non si può più far bel corso,

E le strade humide e sozze,

Impediscon le carrozze:

Né tal caso è mai seguito,

Tristo me ch'io son fallito!


Hor, per dirlo in conclusione,

Son cangiate le persone,

Sì com'anco s'è cangiata

La stagion cruda e spietata,

Ch'ogni spasso ci ha rapito,

Tristo me ch'io son fallito!


E però son risoluto,

Poiché a questo son venuto,

Di voler gire a impiccarmi,

E del tutto disperarmi,

Poiché mal son riuscito,

Tristo me ch'io son fallito!


Io vi lasso, Bolognesi,

E ritorno a miei paesi

Con angoscia e pien d'affanno,

Tornarò di qui a un anno,

S'io non son di vita uscito,

Tristo me ch'io son fallito!


Ma ben credo che ‘l dolore,

Qual mi strugge e affligge il care,

Mi farà far per la via

Qualche strana e gran pazzia,

Perché già sento l'invito,

Tristo me ch'io son fallito!


Hor mi metto per cammino,

Sconsolato a capo chino;

Mascharine, ormai vi lasso,

Ecco già ch'io movo il passo,

Di me stesso infastidito,

Tristo me ch'io son fallito!

IL FINE