LAMENTO

DEL DUCA

DI BIRONE


Poscia che è data la regal sentenza

Del morir mio, né rivocar si puote,

Senza spettacol far di mia presenza


Con voce mesta, in lagrimose gote

Non sol' vedranno i fieri Galli e Boi,

Ma tutto il mondo le mie flebil note.


Invitti, eccelsi, e generosi heroi,

Le cui imprese chiare e gloriose

Note son da gli esperji a i liti eoi,


Guerrieri illustri, ad opre alte e famose

Da Pallade e da Marte in terra eletti,

A guerre, a ciuffe, a pugne bellicose,


Fermate i sdegni e disgombrate i petti

D'ira e di crudeltà, s'in voi si trova

E udite questi tragici concetti,


E fate, prego, che pietà si mova

In voi, udendo il miserabil stato

D'un gran guerrier di segnalata prova.


Il Duca di Biron, tanto nomato,

Gran Marescial di Francia, ahi dura sorte,

A morte crudelmente condannato.


Fui cavaliero invitto, ardito e forte

Quant'altri, ahimè, che nel mestier de l'armi

Havesse mai la parigina corte.


L'alte mie imprese, in gloriosi e armi

Già fur cantate, e quel parea felice

Che potea con sue rime al cielo alzarmi.


Hor canteranno, ahi misero infelice,

Il tristo fin ch'a me di far s'aspetta,

Per un folle desir cui dir non lice.


L'ambition' crudel' e maladetta

Fè Lucifer cader dal cielo Empiro

Con tutta quanta la superba setta;


Quel desir gonfio, di voler' il giro

Del mondo dominar, fè il Macedone

Gionger' in breve a l'ultimo sospiro;


Né tanti peli ha l'orso od il Leone

Addosso, quanti quei che son periti

Per questa cieca e pazza ambitione.


Io fui presso al mio sir' tra i favoriti

Il primo sempre, e gli stei sempre al fianco,

O fusse in pace, o a martial inviti,


De le sue gratie mai negommi un quanco,

Ma sempre del suo amor mi fu cortese.

Ahi, perché il dico, s'io di fede manco?


Non merta il mio fallir' altre difese,

Ma sol' haver pietà de la mia acerba

Morte, e prender' esempio a le mie spese.


Né voler per un fior, che poco serba

Il color, calpestare il campo tutto

Di questa vita, e restar secco in herba.


Per giusta causa a morte son condutto,

Ma morte tanto horrenda e spaventosa

C'huomo non sia che tenghi l'occhio asciutto.


Quanto sia cosa oscura e tenebrosa,

Non posso dir', e quanto aspro tormento

Ne sente il core, in pena sì angosciosa.


Già del mio tristo fine il colpo sento,

Già per me veggo comparir la notte,

Già febo a gl'occhi miei ha il lume spento.


Oh, bel regno di Francia, ecco ridotte

Le forze mie sotto la dura accetta,

E tremo e sudo a l'aspre e mortal botte.


Cari parenti miei, poi ch'interdetta

Mi vien la vita, ecco, vi lasso in pace,

Poiché la morte già per me s'affretta.


Con ragion muoio, e così pare e piace

Al mio signor, ed è ben giusto ch'io

Paghi con morte il mio pensier fallace.


Ingrato fui, ahimè, contra il re mio,

Senza occasion alcuna, ma un disegno

Lieve, una voglia strana, un van desìo.


Hor, se fatto è l'error, ecco ne vengo

A far la penitenza in questo loco,

Ove del viver mio son gionto al segno.


Oh Regina del cielo, in questo poco

Di tempo che mi resta, habbi pietade

Di me infelice, che di cor t'invoco.


E tu, gran protettor de la cittade,

Fatto a Dio caro e grato, almo Dionigi,

Prega per me l'eterna maestade,


Ché dal fier regnator de' regni stigi

Mi difenda, e tu priega parimente

Oh popol generoso di Parigi,


Ch'a questo passo miserabilmente

Ridotto son per trar l'ultimo fiato

Di questa vita, ahimè, trista e dolente.


Mi guidi nel suo regno alto e beato

E questa spoglia dolorosa e trista

Torni a la terra, dove fui formato.


E prego la mia cener sia provista

D'urna funebre, e sia di panni scuri

Coperta la famiglia in bruna lista.


Più non suonin per me trombe o tamburi,

Stracciansi i miei stendardi, e vilipesi

Siano i miei fatti intrepidi e sicuri.


Le nobil' armi e tutti i miei arnesi

Siano gettati nel fiume Letheo,

U' mai più non sian visti, e manco intesi.


Fugga da me con la sua lira Orfeo,

E sol' augel notturni in rochi accenti

Cantin sopra il dolente mio trofeo,


Odasi, ovunque Febo i raggi ardenti

Gira, l'aspra mia morte, e pianga il polo,

La terra, il cielo, e tutti gli elementi,


Il fiero Marte, e 'l militante stuolo

Pel Duca di Biron, c'hoggi perisce:

Tutto si vesta di perpetuo dolo.


In mille imprese, in mille strane risse

Stato son teco, pure, oh grand' Henrico,

E sai se 'l brando mio per te ferisse,


Sai quant' ho fatto contra il tuo nemico,

Ed in difesa de la tua corona,

E quanto il sangue mio t'è stato amico.


Hor, un sol fallo a me non si perdona,

Il qual non è seguito in fatto espresso,

Se ben fu contra de la tua persona.


Son stato sollevato, e lo confesso,

Da gente a te nemica a far quel tanto

Che chiaramente dice il mio processo,


Ma le lagrime mie, l'amaro pianto

De' miei parenti, il domandar mercede,

Devrìano, ahi lasso, pur placarti alquanto.


Ti fui ingrato, ti mancai di fede,

Contra ti congiurai, ma al crudo effetto

Non veeni, ed opra al fatto non si diede.


Perso havrà il senno, perso l'intelletto,

Né sapendo, ahi meschin, quel ch'io facessi,

Di lesa maesta caddi in difetto.


Horsù, qui non occorre altri progressi,

So ch'io solco ne l'onda a ricoprire

Con simil ciancie i miei crudeli eccessi.


Eccomi dunque, pronto per patire

Questo supplicio, qual mi si prepara

Per giusto merto di sì gran fallire.


Ogn'un da me infelice oda ed impara

Di servar sempre fede al suo signore,

E quella haver più che la vita cara.


E perché giunto son' a l'ultime hore

E che in procinto son per far partita

Da questo mondo falso e pien d'errore,


Quivi ogni gloria mia resta finita,

Soccorrimi Signor, ch'adesso importa:

Manda l'angel custode a darmi aìta,


Che 'l demon rio con la dannata scorta

Mi fa gran guerra, e con suo inganno ed arte

Trar mi vorrebbe a la Tartarea porta.


Ma certo son che 'l falso andrà in disparte

Tutto confuso, mentre il santo nome

Tuo di cor chiamo, e già il fellon si parte.


Hor, qui depongo le terrene some,

Hoggi abbandono e lascio il mortal velo,

E l'alma mia spiegando i vanni, come

Bianca colomba se ne vola al cielo.


IL FINE