LE NOZZE

DEL ZANE

in lingua bergamasca,

nelle quali si vedono sedici lin-

guaggi diversi

A no 'l fu ixi superb ol mangiament

Che March' Antoni fe a lo so morosa,

Che g' dè a mangià una perla preciosa,

Che tut ol mond ancor se ten a ment,


Né manch a credi che g' fus tanta zent,

Quant che fu vist quel dì in val pelosa

Quant che menè a casa la me sposa

Che mi fu ol prim tra tug i me parent.


E per questi trombetti fu mandà

Per tut le part dol mond a fa savì

Ch'ognun venis, senz'esser plu invidà,


Per ol prim dì de mars, es fe bandì

La festa e pompa, con felicità

Dof che 'l concors tug quei cha sentirì.


Ol prim a comparì

Ol fu Cola Francesch, napolità

In compagnia de Pompio romà,


Zan Ambrus de Milà,

Mesir Pelegr nobel zenovis,

Marc venetià, Petroni bolognis,


Alfons ferraris,

Don Zanchios de Riviera, spadagnol,

E Zan Burtlamia romagnol.


E corat quant es pol,

L'arrive da Piasenza Antonì,

Zemignà modnes, Chec fiorentì.


Zons com' un paladì

Pedr Anotoni, teribel mantovà,

E fin de Schiavonia vegn Damià,


De Franza mistr Zan,

In compagnia de ser Sbrofald, todesch,

E ixì le vivand fun post sul desch


E in un bel prat al fresch

Mangiavi con sta nobil compagnia

Che mi parivi tra tra la baronia,


E, stand in sta 'legria,

Al fin del past se scomenzè a parlà,

In quant città ghe fos mei da mangià.


Dis ol napolità:

Le brocole de Napoli, signori,

E' cosa regia, da un imperatore,


Gusta chilo sapore,

No poco poco che fanno impazzare,

Che le fontane ti fano spantare”.


Disse il roman: “Mi pare

Le strufole di Roma, e chiambellini,

Le pize fresche son cibi peregrini,


Ci habbiam de' crapetini,

Le lascie fresche, e lo castrato buono,

Vacine e vini ogn'un sa home sono”,


Milan, a vi è d'bon,

I verz co i cervelà, la busechinna,

El bon formai, la bona mascherpina,


Andem ogni mattena

Alla bona di rost, al cantonsel,

E là zughem al centon i nos piatel”.


Pe no parì un osel,

Respos un zenovis: “Frè, o me pa

Che a Zena ghe podemo megio sta,


Che havemo da mangià

Ra gattafura, e lo pese saro,

Ra cornabugia e sisamo meschiò


E dentro dato mò

Pesce arcele dentro de lo mà,

De trappani, limi, che ve ne pà?”


Respos ol venetià:

Mo e quelle ostregaze de bruazzo,

Co ti le manzi non selo un solazzo?


Dime, an, bel mostazzo,

I nomboli de manzo, e le brasiole,

I cai da latte, i dentai e variole,


El val pì i caragoi

Che magna in Venesia le pellae,

Che non val zò, ch espende tre cittae.”


E Petroni, instizzad,

Dis: “E Bulogna, dond la lassav?

Al mia sgnor, prché n'in parlav


D'qui fnuoch dlicad?

E d'qui buon salcicuot bulgnis?

Dil ti, Alfons, ch' ti è pur frares”,


Fai pur ch'al srà pales.”

D'quel ch'anca nu g'havem a Frara:

Pr sia bulgin un ocha ella mo chara,


An gh'è zent avara,

Una puina costa tri quattrin,

A g'havem tench, rain e zangarin”.


Respos ol spagnolin:

In Espuegna, se come calvanzados,

Avelana, i tozinole pescados,


Lestes moi ben verdados,

Con dos maviglis, un cavalier

Ben puode con el mozos ir a comier.”


Respose el romagner:

C'haven d'bon nu altr faincin,

Mlon, cevol, e formaz pegorin”,


Respos ol piasentin:

Ar ne besogna partir da Piasenza,

Chi vur mangià formai in eccellenza!


Tosi, sta 'sperienza

Che s'menzona per tut er nos formai,

Fra i viandà, e i nos gnoch fat co lai,


Ar nos porav dir mai

Ra bontà di nos calt der piasentin,

Con luga diola, c' ha savor de vin”.


A quest ol modonin:

Se ben la nostra Modena è peccenina,

A volem ch'anca lia vaga in dozina:


G'havem salcizza fina,

Es n'gh'è carastia d'pivion,

E d'trebian al bvem mior d'agn'on,


Ad ogn parangon”.

Respos al hor ser Checho firentì:

Habbiam bon pan papato e cucherini,


E berlingozi fini,

Ma noi mangiam sì poco e sì polito,

Che sempre conserviamo l'appetito,


E ci habbiam infinito

Mella, cesa, pisceli e le fritate,

Sottile, come voi le dimandate,


Oh, che dic'io? Ascoltate:

Nascono in Arno, e non è cosa faisa,

Pesciolini che cridon: 'faisa, faisa' ”.


L'è ben olter, che faisa,

Potta de des”, respos un mantovan,

I noster canoncin e i bozolan!


Dsom po' dul pan,

Ch' l'è più bianc ch' non è un armelin,

E i bulbar, ch'è mangià da paladin.”


Respos ol schiavoncin:

Berv, magnarv, a usanza schiavonisca,

Nostra carne salata, e caren frisca,


Cosa è gentilischa,

Se magnarastu de nostre castrugni,

Arusti, com'usanza tra sclavugni,


Tra buni cumpagnuni,

Custa è cosa buna e delicata,

Ma varda che vla no purta gata


Allhor tug una fiata”.

Dis ol franzos: “Non metter, per ma foi,

Ch'en Frans a ben sun da roi,


De grasia, attendè a moi,

Chanti talien en bien vinit en Frans,

Per pastis, e poteg a notre usansa,


E chesta non è sansa”.

Ma allhor Sbrufald se driza su destis,

E tire un rut, ch'araf morbà ol pais,


E fort cridand dis:

Pe trij sant, che in Alemagna star

Sempre de bone carut da mangniar,


Oh belle trionfar,

Le nostre bone suppe dentr le mel,

Che ste vivande qui nit val un pel”,


E volta i occhi al ciel,

Fe brindes a tug quant dentorno via,

Donda che tug bevì per compagnia.


IL FINE