PRONOSTICO

PERPETUO

SOPRA L'ANNO PRESENTE,

calcolato al meridiano della Fiera

d'Agosto, ad instanza del mese

di SETTEMBRE;


alli 25 dell'estate, all'incontro de i salcizzoni di Bologna

si vende, come si trova, a dui soldi il boccale.


Dato di nuovo in luce per me Dottor Gratiano

Pagliarizzo da Bologna

Essend dissolud intellament

De far pales a tutt la dottrina mia,

Com' a son arcidutor molt ecellent,

Havend imparà anca mi la part mia,

De conosser il futur del persident

E tutt quant al cors de la strulugia

A fo un discor cha io imparà st'invern,

Che, sal non manca, al durarà in etern.


Hor, comenzand' al mia suzet, a digh

Cal mond' è la più gran cosa che sia,

Si largh com lunghl'è tant antigh

Che puoch san la so filosomia,

E sal non fuss', con dis un mia amigh,

Che dond'è abundancia non i è carestia,

E per quest al scriv un villan de Spagna

Che un huom è più leger d'una montagna.


E più a io attruvà per esperienza

Antighamente quest'è not e chiar,

Che quel c'ha di danar al non è senza,

E un che sia astrupià non po camminar,

Volend' mo' mi narrar sta differenza

Un bon autor qui bisogna truvar,

Al qual è Plini, intun so libr scriv,

Che l'oli de nus n'sarà ma' d'oliv.


Essend adonca, come se sa, quel gran dutor

Ch'intla scienza an n'ho marangon,

A studi e a io studià da tutt li hor

Perché la scienza sm'attacca al saion,

Aduturad' a son segond l'humor

De Buon d'Antona in tutt le rason,

E c'al sia al ver lizì quest'opra mia,

Cha sentirì se l'è verità o busia.


La rosa ch'è fiorida sa da bon

E l'huomo che camina non è mort,

Un che sempre abbia stort, mai ha rason,

La nave ch'è in alto mar è via dal port

Chi non vol star in pas fazi custion

E chi non vuol andar pian, camina fort,

E quel ch'è fat a quadro non è tond,

E chi non vuol esser al prim, sippa 'l segond.


Un stort e un gob non sarà mai drit,

E al dì d'ancua non po' esser doman,

Quel ch'arà fat qualche gran delit

Ch'al guarda non andar al boia in man,

Un affamad harà grand appetit,

E un ferrares non sarà mantoan,

Quel che va sol è senza compagnia,

E chi non vuol andar inanzi, resta de dria.


Una donna che fazza da i fiuo'

Al so po dir qualcun l'ha ingravidada,

Un che staga lontan sempre da i suo',

Al no sta appresso de la so' brigada,

I cisar non n'in fat com'è i fasuo',

E una donzella non è sverzenada,

Un gentil'homo non è contadin,

Es l'ha più tempo un vecch che un putin,


Un che sia adormentà, non è sveiad,

E chi sospira par de mala voia,

Un infermo se può dir amalad,

E quel che grida fort ha qualche doia,

Un che sippa giotton, l'ha del trincad,

E chi va nud in letto se dispoia,

Un che sia morto non può più parlar,

E chi non vol far una cosa, lassa star,


Un fiol che nasù, vist al present,

Ha manco tempo che non ha so par,

Un vecchio che non habbi ain bocca dent

Al dura gran fatiga a mastegar,

Un che sia ricco d'oro e bon arzent

Al pol spender, sal vol, e trionfar,

E po sostento ancor con mille prove

Ch'al se bagna la terra quando al piove.


Un che è a caval, non me par a pia,

E chi è in la barca non camina in terra,

Chi vol star san, ni pias la malatia,

E un che sia poltron fuza la guerra,

Chi n'ha dinar non vada all'hostaria,

E chi non pias l'usso averto, c'ha lo serra,

E se vi provo ancor per mille strad

Che con le ove si fa bone fritad.


Un che non studia non sarà dottor,

Chi n'è cortes sarà tegnù villan,

Quando el sarà sonà le quindes hor

Al vegnirà le sedes, a man a man,

Un che sia becco ha perso assai l'honor,

E un che robba ha cattive man,

Chi va descalzo non porta scoson,

E se è bona i fasan, ancor i cappon.


Approvo ancora che un che sia castrà

Harà una gran fadiga a zenerar,

E chi è alla villa è fuor della città,

E chi ha la rogna ha spesso da grattar,

E chi è vecchio ha tempo pur assà,

Un senza gambe stenta a camminar

E chi casca in tun pozzo o in tun androna

Si bagnerà la vita o la persona.


Colù che va lontan dal so paes

Al se descosta de la so città,

Com'un ha trenta dì, l'ha squas un mes,

E sal n'ha trentadu al l'ha passà,

Le cose ascos non se fan pales,

E assà gente la not è adormentà,

E po farò veder a li ignorant

Ch'al polent non è verso al levant.


Un golos vorre' sempre un bon boccon,

Per ch' al se trova chi gal vogghia dar,

E tutti quei ch'anderan in preson,

I staran lì fin chi li lassa andar,

Al freddo un despoià non ha del bon,

Quand a du insiem al se po dir un par,

E che d'inverno mai non canta il cucco,

E chi è di carne non sarà di stucco.


Quando se vede l'alba che apparis,

Quel è segnal cal vol vegnir al dì,

Quand'un guarda una cosa fis fis

S'al no' la vede, l'è mezo adorbì

Un che lassa al bon vin e beve il pis

O l'ha perso il cervel, o l'è amattì,

E un che non ha barba in sul mustaz,

O al non l'ha fatta, over che l'è un ragaz.


Quel che tra' via la robba è un gran minchion,

E quel che la ni pias ancora più,

Chi lassa un gallinaz per un pizzon

L'è ben da chiamar mat e turlulù,

Chi brama del cattivo e lassa il bon,

L'ha poco inzegno, a dirlo qui tra nu,

E, secondo che mostra il mio quadreno,

L'è più caldo l'istà che ne l'inverno.


Un che non oda mai, dia esser sord,

E chi non parla sarà tegnù mut,

E quel che manza con furia, ha de l'ingord,

Quel che fa del resto fa de tut,

Un che ha poco cervel ha del balord,

E pias assa' più al bel a ogn'un, che al brut,

E al dir de tut, l'è mei haver quatrin

Che andar per la merzè di sua vesin.


Un che lavora sempre al dì e a la not

El se può chiamar un huom affatigà,

Un che manza se ben el non è cot

O ch el'è un lovo, o ch el'è affamà,

Un che zugando a i ha tirà desdot,

El se po dir ch'al fa pur assa',

E un desperad che sia senza confort

S'al ze ammazzas al se daria la mort.


S'una donna voles far bugà

Al ghe va fuogo, cener, legne e savon,

A un che sippa de vita passà

No ghe zova sirop, pillole o untion,

E chi ha della famia pur assa'

Se la contenta tutta al fa un gran bon,

Perché al dis al proverbio infra la zent

Ch'ogn'hom vore' a sto mond' esser content.


Un ch'habbia dispiaser, ha grand'affan

E chi ha di zocchi, po far delle stel,

Chi va cercand al mal, trova al malan,

E quando piove l'è bon el cappel,

Quel che perde la robba al se fa dan,

E un mat non ha troppo cervel,

E con buon fondament a provo ancora

Ch'un bel morir tutt'a la vinti un'hora.


Tosto ch'al sol si lieva in arient,

La notte fuzze con tutte le stel,

Cosa per forza mai non valse nient,

E un che manza, mena le massel,

Un poveretto che non ha nient

Non può fallir per questo, né per quel,

E un che casca e che sia da per lu

Ch'al n'aspetta nissun ch'al lieva su.


E s'al pan non se fesse di farina,

Saria superchio a semenar forment,

Un che sia san, non toia medesina,

E chi non è ben vestì, non vaga al vent,

E se qualcun non può tegnir l'orina

S'al non la pissa, al non farà nient,

Et ego probo, con el mio bas inzegno,

Che un baston gros se po chiamar un legno.


Chi vol passar el mar, lassa la riva,

Altrament al starà de zà o de là,

L'olio da frizer vuol esser d'uliva,

E chi sta sempre fermo mai non va,

Un senza fià non pò sonar la piva,

Al zudici d'ogniom questo se sa,

Un che rasona vorrè dir qualche cosa,

E chi dorme in tal let, par che riposa.


Ma mi, di tanta carta e tant inchiostr,

Tant candel e uli ho consumad,

Per farm plusquam dott al temp nostr,

E per mandar la scienza in tutt i lad,

Mos me son azzò che le signorie vostr

M'abban il ben vist, e compassad,

E qui fo fin, e quel che me vorran

Sempre dond a sarò me troveran.


IL FINE