QUESTIONE

DI VARII LINGUAGGI

dove s'intende le ragioni allegate da diversi

galant'huomini corsi a questo rumore

per farli far la pace,

e finalmente come un todesco gli accorda

con patto di andare insieme all'hostaria.

Un giorno mi trovai a una baruffa

Di certe genti di varii paesi,

Quai s'eron già per il passato offesi

E stati un'altra volta in simil zuffa.


Hor, mentre l'un con l'altro si rabbuffa,

Dandosi colpi dispietati e pesi,

Cercando di restar morti e distesi

E cavarsi d'addosso almen la muffa,


Mos' a pietà certi huomini da bene

Innanzi si gettor, per amezzarre,

Acciò tra lor non fesser tanto male


E dicean: “State indietro, che non vale

Ben per nissuno a volersi ammazzare,

Con empito sì grande e furia tale”.


Ma come un fier cinghiale

Voltossi un ferrarese, e disse: “Andai

Per la via vostra, e non ve n'impazzai,


Ch'ancha vu n'archviai,

Habbia inzegn' e levaiv d'chi,

Chin drdana an habbiai de l' frì,


Fai quel, chav digh mi,

Tiraiv da banda, s'hi la vita cara,

Chan v'dasan de l'brogn nu da Frara.


Perché la se sa chiara

Ch'a sen d'ogn'hora pront e inafià

Per dar risposta a chi n'chiamarà;


E può al curtlà

Mi m'gh accuost con mazor ruina

Cha n'fariev a taiar una puina.


Sì ch' n' pensai mina

D'impaurirv, o d'farn caiar,

Chal ghe vuol altr chì, che bravazar.


I n' se lassa magnar

A qusì per poch i par nostr Fraris,

Mo i dà del pavier a i so nmis”.


Guardev pitana de dis”,

Cridò con alta voce un mantuan,

Ch'ades è ol temp de menà le man!


Tucoms pur da can,

Doms da sen, ch'a n'voi ch'la finom,

Che qualchdun de nu chi s'amazzom.


N'vuoi cha z'partom

S'a n'mustrom un poch a sti bravaz

Ch'som bon pr dagh dli cucli sul mostaz.


Ch'è col brut forfantaz

Chi cret de fan asconder dret li muri?

Mo a nom paura de brutti figuri,


Ch'a som homn siguri,

Ch'mustrom al volt in tut i luogh,

E tgnom li curtladi un spas e un zuog.


E quant n'me sfuog,

Che sont im colra, che me senti offis,

N'magn né biv, e n'ha ben un mis.


Mo ades al m'è divis

D'esser a nozzi, che fagon custion

Che vedrom, ch'è valent e ch'è pultron”.


Ch'è st'taia canton?”

Rispose un bolognese, “N'se sa,

Un che bravezza tant, quel chal fa?


A saven cun la va,

Fin a un puntal de strenga, fradlin,

Mi cred ch'appa più chiachiar che quattrin.


N'fadi al paladin,

Né al manza chstian, ch'ades a sen

Tut in un luogh, cha z' pruvaren,


E chi srà hom da ben,

A i purev zuar, donca tirav in dria,

Cha n'v'buttan la resta appres a i pia.


Cazzà pur man, fradia,

Ch'ades è temp caz fan hunor,

Cha n'amazzan do para de qustor;


A mi al m'è furor

Es me parin frut cunftà,

Quand am a trov in fra l'curtlà,


Ai sem tant havia

Nu da Bulagna a far spes rmor,

Che quand a sten in pas, haven l'humor.”


No fasì car sgnor”,

Rispos un romagnuol, “Per no covel,

Vlev ruvner, e furev la pel?


On s'trova, ov'el

Chuel, ch'quant se ben mnè le men

Chin fazza po' la pes da hom da ben?


E quij, chen bon chstien,

Han da far ast mo', che tut i brev

S'accorda può quand i sen rot al chev.


Osù, donca, fermev,

Chu ni è tal dfrienza, edsi tra vu,

Cha v'andè dria dasend, o sù, no più,


Che sa muntem po' nu

In colra, on valrà grider: “Sgnor!,

Dasim la vida, chav so servdor”,


Cha fasem tal rmor

Nu de Rmegna, che spezzem zuchit,

Piastrin, manopl, zech e cursalit,


Es purten di schiuppit,

Con 'l pal aramed in l'pistol,

Cha taian a travers le bedol,


Es no stasen sadol,

Se no de berb de capteni e de bravez,

Cha n'haven pien i let e i tamarez.


Donca, frmè le brez,

E fasì pes, e no ve dasid più,

Ch'a castigher un diesm o in va du.”


E stè in drè, car patrù”,

Diss' un de Bergam, “E non dè sul chò,

Cha si tuchi brav, cul s'è vdù chilò;


Fè mo' la pas un po',

Che l'è ol dovir e la rasù,

Zà, che de vù non è ferit verghù;


Nof de pi sgarlatù,

Credim a mi, se ben ol cervel ve frulla,

Ch'ades chi ve vol mal rid e trastulla.”


Potta di Mastro Nulla,

Cosa è cotesta”, disse un fiorentino,

Che fan costor così? Ferma, Pierino,


Non ti partir, Cecchino,

Chiama qui Antonio, Pippo, Baccio e Beco,

Meo, Nanni, Cencio, e state tutti meco,


Ogn'un meni da cieco,

Che vo' che noi mostriamo a sti pinconi

Che siam da star a tutti i parangoni,


E che, come poponi,

Gli taglierem in fette, sti ribaldi,

E che li squarteremo caldi caldi,


Su, donca, state saldi,

E menate le mani a tutt'andare,

Ch'a suon di busse gli farem staccare.”


Frate, non t'impazzare”,

Disse uno siciliano, “Habbi cervello,

Ch'io ti chiavo nel pietto uno curtiello,


E per ti serà biello

Che badi hor hora a far li fatti tuoi,

Ch'io ti ci farò gire, buoi o non buoi;


Lassane fare a nuoi,

E va' via priesto priesto, e farai biene,

Che chissa ghierra non se buolta a tiene:


Credilo, frate, a miene,

Che non ci è hom che meni chiù la mano

Quando è stizzato lo siciliano!”


All'hora un Venetiano

Tutto pien di sudor, disse: “Stà in drio,

Viso de babbuin, fier chicchibio,


Mo può far lio,

Che pensevo de far? An a sto muo

Sta in drio te digo, can becco cornuo,


Chi sì, che fago ancuo

Qualche pazzia, chi sì, che son sforzao

A quaranta de vu romper' el cao?


Se me trovesse armao,

Con la mia cinquedea, e 'l mio pugnal,

Sul viso ve farave per signal,


Sì largo e gran canal,

Che 'l ghandarue i burchi inanti e in drio,

Co i va d'ogn hora da Marghera a Lio.


Andè donca con Dio,

Razza de lari, zaffi, mascazon,

E imparè procieder con rason”.


Ma un Francese in giuppon

Saltò nel mezzo, con le voglie accese,

E cominciò a bravar alla francese,


E disse, che s'intese:

Vilen cuchin, per vita de lo Roi,

Sie tagliarè le matel, credil à moi,


Ve giuro per ma foi,

Se ben son petit, san e fransoè,

Tut in un morsiò ve manserè,


Es vù non ù levrè,

Brut macariò, drit mie mason,

Sie ù baglierè su la tetta d'un batton.”


As darèn da bon”,

Disse un da Reggio,”s'faren pr dij,

Es me perin pur l'gran pazzij,


A fer ste magrarij,

Senz'uccasion nguna, deh n'fed

Dsgratia, cher sgnor, chan v'ded.


Ij, che mner d'sped,

D'picch e d'spuntun, a che partì

Is volin mo amazzar; mo an vdì?


A ghin per un frì

E un cha una curtleda su'l zippon,

Ij, dolz dij apegh rmission”.


Min 'gho cumpassion”,

Respos un Modonese, “Chi s'vol

Dar' sdaga, an gh darè quattr nizuol,


N' padr, n' fiuol,

An ghò chi, cha iapa da pinser,

Chis dagghin pur un poc, si s'volin der.


A i vrè vder scaner,

E tirers in ti lombl di giaron,

E ficchers di pugnè pr i galon,


E con di bon baston

Dars in s'la testa, cun s'fa a i lguor,

E cavars anch l'radis dal cuor,


Perch m'hoia mi da tuor

Sti cos a pet, s'an gho ch'far ngota?

Chi s'tirin pur ados a volta rotta,


Mi m'vuo' tor d'sotta,

Chin m'insgnesin chi con un spunton

A che parti s'tuos i pivion,


A srè ben più minchion

S'andies là in mez, a metrm in duzena

E tirerm un stanghet in s'la schena.


An son ma stat d'vena

Dund an son chiamà d'vlergh intrar,

Mi m'son rsolt d'lasseri far.”


Mi te chiero matar,

Viliacco, traidor”, disse un Spagnolos,

Con esta stoccadiglia; iurados


Mirais che gaglioffos,

Che con un gentilhombres de portada,

Cerca far gherra, to' sta cucigliada.


Ma esta no es nada,

Respiettos a la fuerza d'esta manos,

Da mattar y le triste, y le mulanos”.


Deus, adiuva nos”,

Disse un pover pedante, “Heu le viscere,

Deh, fratelli, nolite reminiscere,


Né manco meniniscere

L'offese tra voi fatte nel preterito,

Sed tra voi fiat pax, e benemerito;


Et nunc dentro l'interito

Cladite odium, né vogliate irascere

Che maior scandalum non facciate nascere.


Deh, non fate che a pascere

Super putrida busta il corvus vorax

Venghi il mordax catullo o il lupus rapax,


Non plus bello, sed pax

Le praeacute cuspides fermate,

Et i cruenti gladij invaginate,


E sodali cessate,

Iam statis, et hei mihi ogn'hor più forte

Querite darvi inopinata morte”,


E serrando le porte

S'ascose all'hor, gridando, un Badanai:

Non facit, non facit, hai adanai,


Fuggite, Merdacai,

Giochim, Ezechiel e Giosuè,

Non vedit che s'ammazza lo Goè;


Scampet, messer Mosè,

Abraam, Isach, Giacob con Esaù,

Serret la sinagogh, e venit su,


Chaim, non stet lì più,

Fugit, fugit, ch'ades n'havit bisogn,

Ch'a perderit la cleb dello moscogn,


Non lo tenit un sogn,

Seret lo bench, e chiamet li rabin,

Eleazar, Ioram e Beniamin,


Naptam e Neptalin,

Ionatas, Ioatam e Ioconia,

Achin, Achaz, Amos, Iona, e Tobia,


Enes, Iepte e Ozia,

Matan e Manases, e Simeon,

Abacuch, Balaam e Salomon,


David e Absalon,

Noè, Sem, Cam, Iafet e Daniel,

Anania, Azaria e Misael,


Rebech, Sara, e Rachel,

Sidrach, Misach, Nabuch, Enoch, Elia,

Giuda, Ruben, Saul e Gieremia,


Lot, Esdra ed Esaia,

Ioel, Aminadab, e Gedeon,

Lamec, Melchisedec, e Naason,


Levì, Gad e Aron,

Malachia, Roboam, e Samuel,

Ch'asaggattem lo pepar e l'agnel”.


All'hor in quel drappel,

Certi furbi si vennero accostando,

Per venir qualche cosa graffignando.


Ed in zergo parlando

Dicean tra lor: “Calcagno, sta a lumare

Mentre gl'Osini si stanno a martinare.


Se si può gramignare

O tappo, o manto, o scorzo o figadello

Pien di piaseri, e porgilo a monello,


E balchiam bello bello

Comprar' il porco, e truccar per calcosa,

E andar' a stibiar a una cerchiosa,


Dove con la foiosa

Spillaremo i pennacchi nel coschetto,

Se potiam far la scarpa o 'l figadetto,


E qui con il banchetto

Tagliaremo il durengo e la ramosa,

E poi sbignarem fuor per la ventosa,


Acciò che la tal cosa

Non ne veda arrivar in carpegiana,

Com'è intappato il fusto o la fagiana;


Ben ch'una maggiorana

Il cattaron su per la faticosa,

Ci ponerà col guindo in la tortosa;


Ch'all'hor la gratiosa

Adunerà i pistolfi in tel migliore,

Per salvarla perpetua al pescatore;


Né varrà dire Amore,

Che su le fu longirai nell'onzelle,

Lassando i fonzi, come baccordelle,


Donca balca la pelle,

Com'hai la santa, e non stare a poltrire,

Se non vuoi nelle prospere tartire”,


E così per spartire,

Un Genovese corse e disse: “Frè,

Re meio che fe' pase vu ra fè,


Osù, non busteghè,

Mettì re spade dentro, che 'l me pa'

Che zaschedun de vu ghe possi stà,


Che se i zaffi ro sà,

Ve pigiarà, e ve menerà prezon,

E se ve darà de ra corda, harà razon.


Osù, donca, re bon,

Ra pase, e ra concordia ar dì ancuoi

Donca non ve dè dri botti, car figiuoi,


Perché chi ben vi vuoi

Ve darà ro consegio che ve dò,

A ve ro ditto, mi me cano fò,


E me tiro da un lò”.

Finito il Genovese simil detti,

Si fece avanti un di quei capelletti


Che van coprendo i tetti,

E disse: “In chiortesia, char fradei,

Non dè più chiortelad in si chiappei,


Mettì dentr i chiortei,

Le spad, i sped, e andè chiurrand a chà.

Chial vien la chiort, chi v'agaffarà.


Es v'acchiordarà

Chion una chiorda, e chion la chiavezza,

E d'sta chiosa harì pochia allegrezza,


Es darì chiuntentezza,

A chi v'ha in odio, donchia ogniun chiamina,

Chian chiapita a la forca o a la berlina”.


All'hor con gran ruina,

Corse un Todesco, per voler quietare

Costoro, e tosto cominciò a parlare:


Chi non voler fermar

Mi non port rispet per tij sant,

Con mi labard pasr tutt quant.


Ah mi senor calant,

Non più mnar le spad, nit nit,

Mo far le pas prest, frit frit,


Mi far un bel partit,

A tutt quant, se voler fermar:

Mi mener tutt a pever e magnar,


E mi voler pagar

Per tutt quest bella compagnia,

Se voler vener miegh all'hostria.


E brind tutt via,

Mi voler far d'intorn, a tutt'andar,

Fin che star' imbriag o che creppar.


Orsù, non più mnar,

Mo venir miegh un poch alliegrament,

Se no mi mazer tutt quest zent.


Tut vu star valent,

Tutt vu star calant'hom in fed mia,

Donca la pas far a l'hostria.”


All'hor questa zenìa,

Mossa dal bel parlar di quel todesco,

Lasciar la pugna, ed andar seco al fresco.


E quivi, tutti a un desco

Si posero, bevendo allegramente,

Feron la pace, e non ne fu niente.


Ond'io, sendo presente,

Notai il tutto, e quivi di brigata

Giusta, come la fu, ve l'ho contata.


IL FINE