IL

RAGIONAMENTO

CHE FA IL PADRE ALLA

Togna per darli marito.


Con il testamento che fa un con-

tadino, qual è morto perché la

Togna non l'ha voluto per

marito per esser vecchio.

IL PADRE ALLA TOGNA


Oh Togna, fat in zà,

Te sa ben che t'ho maridà,

A to dà un nostro par,

Che fu cusin di Piro vacar.

So pare havea nom Annibal,

Che la savea a piè e a caval,

E so mar a nom la Betta,

Che da campo e se da vetta.

Ma al spos, per dir la verità,

L'è un finocchio da cervelà

In su le veie che l'ne aspettà,

Perché el fa i salti sbregà.

Ma per arar, far bon solco,

Far della foia e seminar,

Mi ne cred ch'el n'habbia par.

Dul restante, con dis colu,

L'è un fante develu,

E se porta sempre al là

La so daga intersià.

E le feste l'è lu quel

C'ha le franze in tel capel,

E disouta di zenochi

I legazzi con i fiochi.

Mo non casca po' di pensar

Che al se lassa superar,

Perché l'lu d'un parentà

E del Diavol descatenà.

Sun cucchier della città

Volta a lui carezzà,

Pur che il cocchio non sia cargà

Mai non se muove dalla carrà.

In prepost de l'altro diaz,

Un cochier ghe roppe un braz,

E lu, innanci se lassò dar

Che volerse mai defas.

Che un biolcho de la edema pessò,

I de no so che bastona,

Al se ficò de correr drè,

Buona fu che al no la zonzè.

Al no a casa dir de sto fant

Che l'ha una forza de zigant,

In du colpi de falcinel

Al fa un citol grosso e bel.

Ultimamente qui finisse

Che to mar zà me disse

Che a te desse un vecchiarel,

Che havesse pieno il borsel.


IL TESTAMENTO


Zà che vengo, musin mio bel,

Ti se' dura di cervel,

Ti mi voi pur far morir,

A non voler acconsentir,


Ma perché mi sento al fin,

Cor mio dolce, il mio corin,

Fin che son in sentiment

A voi fare testament.


Primament a vo' lassar

Che mi digano portar

A supelir da quel là

Dove passa la brigà.


Acciò con te passarà

Ti mi daghi una guardà,

E ti dighi da per ti:

L'è lì quel che mors per mi”.


A voi poi per l'avenir,

Che ti piangi e ti sospir,

E ti dighi: “Io ho ammazzà

Al mio car innamorà.”


E po' lasso a me fradel

Il cordon con il capel,

E la penna di color,

Che portava a far l'amor.


A so fiol, c'ha nom Pasqual,

La corezza, e 'l me pugnal,

El me sped e 'l me sponton,

E la daga da gallon.


Ma quel c'ha nom Zanin

Al me zacco scarzarin,

Al me piastrin, al me zucchet,

E la roncha da le fest.


E po' las anco a Mingun

Che fu fiol de Galavrum,

La piveta da sonar,

E la zuccha da nudar.


A Mingon della Silvestra

A voi lassar la mia balestra,

Una chioppa de pulzun

D'ammazzar i curnacchiun.


A po' lasso a Zantomas

La mia spada che me ferì squas,

E la fiascha e l'arcobus

D'ammazzar i tarabus.


Al fiol di Mattarel

I vo' lassar il mio bursel,

La pitocca e il sobiol

Che sonava Zan Brugnol.


Al fiol di Benedet

A i vo' lassar il mio stilet,

Le mie calze e il mio zibon,

Che portava da ragazzon,


Al fiol de la Minghina,

A i vo' lassar la mia sordina,

Con sto pat: ch'al tenga dur,

Fin ch'è strac i balladur.


A Menghet, ch'è mia cugnà,

A i vo' lassar un par d'ucchià,

Che i n'è un ch'è senza lus,

E l'altro fa berlus.


E si lasso un bel saion,

Che fu fatto per barbom,

Un capello de trafertà,

Con l'orel tutt'amacchià.


Quattro ferle e un cadenaz,

Un baril con un butaz,

Zap, zapet, vangha e badil,

E un bel aibo da purcil.


Ma perché i voleva ben,

A i voi lassar un car di fen,

Azzò ch'al possa governar

La vacca de tu mar.


Un curtel tutto adintà,

Con al maneg traffilà,

Un bertin con il bauuc,

Ch'al portava a osellar al Chù.


E poi lasso a mia sorella

Tre zavatte e una pianella,

Quattro fusi e una granà,

E una agocchia dispontà.


Un bel par di scofuncin,

Che ni manca se non il capin,

Do pignatte e una scudella

E un lavezzo e una gradella.


Un piatel e dui cuchiari,

E una mescola da schiumar,

Dui stringhetti e calzadur

E l'olesina e ii pisadur.


E lasso anco di più:

Do banchette da sedel su,

E la scrana con il bus,

Per far la cacha i tus.


La Felippa e la Rossa

Seran qui a veder ogni cosa,

Perch'al ni è nissun al dì d'ancua

Se ne mi che son di fua.


Tutto è quel che voi lassar

Per il mio scrit, e per il mi dar,

Perché a n'voi che nissun di mia

Che mi possa mai macchiar.


De primis una padella,

Una naspa e una gradella,

Un zampin e una paletta,

E un fundel per la mezetta,


Un miol e un pignattin,

Do candel senza stupin,

Do calzette e una braghetta,

E una lum senza linguetta.


Do travers areppezzà,

E una scarpa racconà,

Un mortal con il piston,

E un baril senza cucon.


Una scaffa con le scudelle,

Un tulier e un mattarel,

E un vasset, che me dè l'ol,

Che al ni manca se non l'ussol.


Do gavet e un gangaiol,

E un didal e un salarol,

Do vellet e un scuffiot,

Da portare in co la not.


Un parol tutto ammaccà,

Una rola desmanegha,

Dui chioverchi e una battola,

E un bel fond d'una scatola.


Un curtel co' la guaina,

E un zuccon de la farina,

E un tovaiol da netars il mus.

Altri pia con il gratus.


Do golane di peterlenghe,

Ch'al me le de' mia Barba Menghe,

Un grembal e un pellizzum

E una rede senza cordum.


Ma ste dorme a bocca averta,

A tal di galla descoverta,

In tel corp at voi entrar,

E se mi ti farò gridar.


Al voi far di tal maniera,

Per la tua cattiva ciera,

Fà to cont, che non vo' ti togi

A sto mond più marì.


Zà che ti non me vo' mi

Oh su, morte, vientin via,

Becca su la vita mia,

Togna cruda, resta in pas,

Con sta morte tienti al nas.


IL FINE