SOGNO

DEL ZAMBU'

in lingua bergamasca


descritto in un sonetto di molti

linguaggi

Una not che dormivi a corp destes,

Senza penser alcun, senza sospet,

Fora da ogn desgust, col gat in let,

Né che tremor haves di me nemis,


E così stand, con ol cervel mez bis,

A pensa sol di sogn i varij effet,

Lontan da ogn travai, mi poveret,

Possad dormend la not in gioia e in ris.


In quel me par sentì un mond de zent

Che con un gran fracas me rompes l'us,

Che sot me sconchighe dol gran spavent,


E mi, prest com un gat, fuzì da un bus

Dov che casche in dun luog sì puzolent

Che me covers da i pè in fin al mus,


E vedend una lus,

In vers a quella camminand mi fort,

De podima salvà piè confort.


A vist avert le port

D'una grand' hosteria, em fichè in chà

In t'un canton ben cit, senza parlà,


E po così pian pià

Me cazè sota una tola de zent

Ch' s'dava spas, manzand aligrament.


Ma mi, dal gran spavent,

Tremavi, e stavi com un can bastonà,

Con la co tra le gambe retirà.


Tug scomenzen a guardà

Storzend la testa, ogn un stropava ol nas,

E de magna tug eran romas,


Non podendos dà pas

De strolog i guardava dal puzor,

Pensand chal procedes da un de lor.


Dis un spagnol: “Sagnor,

Si cheremos comer, comemos in pas,

Là sta mala creanza suvia al nas,


Che non puedo mas

Che nes mui mas fetiente lo che siento,

Che a mi corazon da mui tormiento.


Esto non ess complimiento,

Da cavalier honrado, el petear

I bien buricco se puede agliamar,


Ess cuesas da cucchigliar,

Ma non chiero tegnir abla chi è stado,

Io digo che es un puerco sverguenzado”.


Un venetian instizado:

Le xe cose da furbi, parlo a quei

Che mola fuor de cheba questi osei,


Le xe cos da cortei,

A scargar sti schiopetti così mutti,

E con sti spolverin morbarne tutti,


Moia che semio putti,

Le xe cose da can, da galiotti,

Da furbi, mariosi, da lari e giotti,


Is volen tirà i gotti

Salton in pe' e lagon, sta ol magnà,

E la spadi e a i pugnai i cazzò mà.”


Mi, m'sentiva a crepà,

Che in quel rumor, qualcun no me vedes,

O qualch can paiand nom scoverzes.


Nel mez subit se mes

Un gienoves, digando: “Rofero mee,

E de sto spuzo che sento chi deree


E si digo che lee

Un beccazzo cornuo che ne morbò,

E che senza respeto a pettezzò


Mie ghe ro proverò,

Che le e vu sbirazzo, e in tra sta zente

E de quera coreza o se ne mente”.


Un milanes valent,

Cancher in st'ura, hem pia da fà,

Se vorem tegnì color ch'vor chigà,


No podi mo magnà,

Senza mena pi bai ne fa tant cos,

E met zo i spad, e bassa più la vos,


E no fe sì i schivos,

O verament d'accord fem giò di fet,

E tingemes d'aross tuchi i beret”,


Ma fue il è ben fet”,

Dis il francese: “Tuè sè laton che fie,

Car, otra fue i ne siarà ia mè,


A le vilen chi l'è

Figl de puten chichin, porchio laton,

Messiam pagliera fer sta profession,


I le pien de rason,

A tue se corner se gran villen,

Che iames ne serà hom da bien.”


Un bolognes: “Mo ben,

Saz guarden l'un cun l'altr i mie sgnur,

Az vlem amurbar in sti puzzur,


Oibò, hoimè, ch'udor!

Ai cugarev chuel, e quel cha pos,

Cha iè tra nu ch's'è cagad ados”.


Un mantuan: “La marz ios,

Chil povriel, al cor me va in rovina,

Per il cativ odor de sta standrina.


La sa de medesina,

Le ne son cose da home lie de canai,

E creanze da fa dre le murai,


Tra scroch, guit e marmai.

Ch'l'è sta, responda, se con un braz

A sont mi un purcel s'a no l'amaz.”


Il tedesch: “Mi le faz

In trenta vit pez selm boi,

Nasut d'una piegor, vache, troie,


Ates mi vener voi

Se mi saver chi cagher a quest usanz,

Mi le caz le spad tut in le panz.”


Il piacentin: “No fe zanz,

Ma mi, s'at pos truvà arneg me par,

A una atra foza agh voi insgna cagar,


Car nes lassanza trovar,

Cha sa mi arved, o che quarcun l'acusa,

S'mi nar strupi ardiavol me brusa”.


A Napoli non s'usa

Chisse cose pecchiente e dolorose,

Ne chisse maniere sì vituperose,


Son cose obbrobriose,


Che s'usa allo mandracchio, allo mercato,

Tra pari suoi pecchiente, sbergognato.


Che poss'esse squartaiato

Se saggio chi a causato chisso odore,

Mo' mo' le chiavo na stocata in core”.


Il fiorentino disse: “Oh che rumore,

O là, signori, chetatevi un poco,

Né giungete più legna a questo fuoco,


Che qui in cotesto luoco

Può far pagando ogn'un quel che li pare,

Né per cotesto mai si dee gridare,


E, quanto a me, mi pare

Che ha fatto bene, dico a cotestui,

Di lasciar gir chi non vuol star con lui.


E pazzi sarem nuoi,

Se lasciar di magnar vorrem per questo,

S'ei cacasse il cor con tutto il resto”.


Un piamontes fu lest,

El disse: “Alle fo, sì, e l'hai trovè,

Sta lecoria carogna, che n'ha morbè,


Che post cagà odorè”.

In quel rumor ogn'un me salte ados,

Con calzi, pugni, e macandom i os;


De compasion se mos

Un verones, dis: “Che volenti far

Per un pe d'merda el volenti mazar?


No, no, lasselo star.”

Mi, con na vos pietosa a dis: “Signor,

No me colpè mi, l'è stacch l'amor


Che mi porti a un licor

Che bevì, che po m'imbriaghat:

L'è sta lu causa che mi o fallat.


I resten sodisfat,

Me pars po de partir es me smisiè

El fu finit ol sogn e me desdè.


IL FINE