TESTAMENTO

RIDICOLOSO

d'un contadino del ferrarese, il qual è morto a i dì passati per

haver mangiato troppi fichi.


In lingua rustica del suo paese

Oh brigà, curì, curì,

Ahimè, Dia, ch'a son finì,

Chiamai chi tut i vesin,

Ch'a son mort, ahimia, meschin.


Su, piai un matarel,

E fregaim un può la pel,

Ch'a i ho al corp tant dur

Ch' l'è tirà com'è un tambur.


Am sun tant impì d'fig,

Chal me creppa (aimia) al butrig,

Senti un può ch'gran rumor

M'fa al corp, oh che dulor.


Am n'ho fat sì gran panzà

Ch'am' chine star aculegà,

Es par c'habbia in tal ventron

La saetta con al tron.


Oh, m'fussa affugà

Al prim' fig ch'a i ho magnà!

Perché a n'ho ma' più speranza

Ch'im n'iescin da la panza.


Hosù, pur chiamaim chi

Al nudar un può da mi,

Perché a vuoi far testament

Fin ch'a son in sentiment.


E ch'al faga una scrittura

Ch'diga a ugnon la mia sciagura,

Ch'al se sappia in tutt' i là

Chmuod i fig m'ha ammazzà.


Ch'attendiva a stragualzar,

Es n'm'son savu timprar,

Che s'ben i facea al lat,

A i tuliva su adassat.


Che si fussin stà madur,

Manch mal, mo ierin dur

Prupriament com' prion,

E ugni tri fasea un boccon.


Osù, faiv chi, nudar,

E cominzaiv un può a rogar,

Su, piai la penna in man,

E scrivì di man in man.


Prima a lag a Mingarel,

Ch'è fiol de mia fradel,

Al manez de la chà,

Ch'al la riezza cun se fa.


Es a lag sie zecchin

E tri lir de quattrin

Cha 'l ie puossa dspinsar

Dund al vuol, e dund i par.


Item lag la mia russetta

A Galvan, dit al Barchetta,

Ch'al la diga conservar

Fin al temp del vindemiar.


Item lag a Marchesel

Al curdon del mia cappel,

E una cova de levrin,

Cha purtava per pennin.


Lag al Brugna, mia cugnà,

Un badil dimanegà,

E una zappa, e un pudaiol,

A Battista, so fiol.


Al cumpar Burtlamia

A ghe lagh du trivia,

E la sega a Barba Ton,

Perché lu fa al marangon.


E può lag al mia saccon

Al fiol de Zan barbon,

E qull'altr gabanel

A Alfunsin de buratel.


La curezza a Munarin,

E 'l cappel al Miorin,

E la daga da galon

A Meneg, za so garzon.


E può a lag a Zaninel

La guaina e 'l mia curtel,

Con al pat, ch'è tra nu,

Ch'a n'a faga ma' garu.


I bragon de filindent

Al Bardella, mia parent,

Ch'al no si possa metter ma'

Se no quand' al va al marcà.


E può lag a Zan fusar

Le mie scarp da ballar,

E le gross a mistr Bin

De Francesch zavattin.


Barba Quadra harà al zibbon,

Schinalunga al mia spunton,

Mezabraga al mia cullet,

Testarizza al pugnalet.


Cazza l'Asin harà al carnier,

Le bisacche il Zambutier

E una cassa e un bottesin

Al Cargnola mie cusin.


Un quadretto de nugara

All'Antuonia mia massara,

E alla Menga dal Bunden

Tut quel che starà ben.


Item, lag a la zia Rizza

Una scuffia e una pellizza,

E al Gobin de la stellà

Un falzon da sgar al prà.


Un cuffin e un cavezzal

A la nuora de Pasqual,

E a Merlin da Figarol

Ag lag al subiol.


Una scaffa alla Zuanna,

E un cadin con una scranna

E un mastel da far bugà,

Alla donna dal pelà.


Alla Giacma de Mason

Al murtal con al piston,

E la mescula da schiumar

A la Ruosa mia cumar.


Al mie arzil da far al pan

A la Flippa da Bazzan,

E un lenzuol e una tovaia

Al Guerzin da la zagaia.


Una banca e una lettiera

A la donna del Prediera,

Un tinaz e du vassiè

Al Zoppin, c'ha stort i piè.


Un saion de mezza lana

Al Fabrin da Montagnana,

E una chioppa de camis

Al fiol de Zanluis.


E può lag de man in man

A Rizzon, Broch e Barban,

Straz, tattar e zavat,

E più cos contrafat.


Tut quel che resta mo,

Mengarel, el sarà to,

Es te torn arcodar

Ti te sapp governar.


E s'ti t'ha da maridar,

Guarda ben se l'ha dinar,

Che chi n'ha roba da sti dì,

L'è oselà, me par a mi.


Es t'arcord in conclusion

Ti n'sippij un babbion,

Perché ades chi è più trincà

Da la zent è più stimà.


E perché am sent al fin,

Fat un puoch chi visin,

Ch'at possa un po' basar,

Perché a sent cha vuoi passar.


Osù, pur a vag via,

M'arcmand, cumpagnia,

Perché a sent c'horama'

A n'pos haver al fià.


Pur in st'ultim suspir

A ve vuoi tut avvertir,

Cha lagai per quest'istà

Star i fig' un po' da un là.


E se pur ne vulì magnar,

Cha i lagai ben madurar,

Cha n'fagai quel cha fo mi,

Che per lor a crep chi.


Mengarel, va' tuo' la brocca,

Ch'am bagna un po' la bocca,

Osù, mettla un po' da un là,

Bona not, a son spirà.


IL FINE

Testo trascritto da: Testamento ridicoloso d’un contadino del Ferrarese, il qual è morto a i dì passati per haver mangiato troppo fichi, in lingua rustica del suo paese, di Giulio Cesare Croce, Bologna, Bartolomeo Cochi, 1609, (10x14), pp. 8 n. num., ill., BAB